Una bottiglia per la ricerca sulla SLA

di 

30 settembre 2011

Logo Aisla onlus

 

 

PESARO – Per la serie anche il buon vino può sostenere la ricerca. Anche Pesaro è tra le 90 città italiane che scendono in campo domenica per sostenere la ricerca contro la sclerosi laterale amiotrofica. L’occasione è la quarta edizione della Giornata nazionale contro la Sla, promossa da Aisla Onlus, Associazione italiana sclerosi laterale amiotrofica, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il patrocinio dell’Associazione nazionale Comuni italiani.

 

UNA BOTTIGLIA PER LA RICERCA

Dalle 9.30 alle 18.30 di domenica, i volontari della sezione Aisla Marche vi aspettano di fronte al portale San Domenico di via Branca per dare vita all’ormai tradizionale iniziativa “Quello buono… sostiene la ricerca”. Aggiudicandosi, con una donazione minima di 10 euro, una bottiglia di pregiato Barbera d’Asti docg, creata per l’occasione in edizione limitata, sarà possibile contribuire all’attività dell’associazione e sostenere un importante progetto di ricerca, finalizzato alla sperimentazione di una nuova possibile terapia per il trattamento della sclerosi laterale amiotrofica con ciclofosfamide, sostenuto da trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche.

La sclerosi laterale amiotrofica è una malattia con un fortissimo impatto sulla vita di chi ne è colpito e dei suoi familiari. In Italia oggi sono circa 5.000 persone a soffrirne. Con il tempo i malati non sono più in grado di muoversi, comunicare, nutrirsi e respirare autonomamente pur mantenendo, nella maggior parte dei casi, intatte le proprie capacità cognitive. Ad oggi l’unica possibilità per vincere questa malattia, di cui ancora non si conoscono le cause, è la ricerca scientifica.

Il coordinamento di questo progetto sarà affidato al dipartimento di Neuroscienze, Oftalmologia e Genetica dell’università degli studi di Genova, mentre l’ente promotore sarà il centro clinico NeMO – Fondazione Serena Onlus, di cui Aisla onlus è socio partecipante, specializzato in malattie neuromuscolari operativo dal 2008 presso il padiglione De Gasperis dell’A.O. Niguarda Cà Granda di Milano.

“La Quarta Giornata nazionale contro la Sla ci consentirà ancora una volta di evidenziare pubblicamente i bisogni dei malati, delle loro famiglie e di sostenere un importante progetto di ricerca – sottolinea il presidente di Aisla onlus Mario Melazzini – Vogliamo affrontare le necessità delle persone con Sla con i fatti concreti e non con le parole. Tutti siamo chiamati a rispondere “presente” per partecipare alla lotta contro la Sla: una battaglia che, speriamo il più presto possibile, ci porterà a sconfiggere la malattia”.

Per essere aggiornati sulle attività Aisla onlus o avere ulteriori informazioni andare sul sito www.aisla.it o telefonare allo 02.43986673.

 

L’AISLA ONLUS

L’Associazione italiana sclerosi laterale amiotrofica Aisla onlus, fondata nel 1983, è l’associazione nazionale di riferimento per i malati di Sla e le loro famiglie, riconosciuta con decreto del Ministero della sanità del 30 giugno 1999. Attualmente conta 55 sezioni diffuse su tutto il territorio nazionale. L’associazione è unico membro italiano dell’International Alliance of ALS/MND Association, promotrice della Giornata Mondiale. Aisla è tra i soci partecipanti del centro clinico NeMO e tra i soci fondatori di AriSLA, Agenzia Italiana per la ricerca scientifica sulla Sla . E’ inoltre associata a Fish (Federazione italiana per il superamento dell’handicap), Fian (Federazione italiana delle associazioni neurologiche), Sicp (Società italiana di cure palliative), Fcp (Federazione cure palliative) ed è aderente-sostenitore dell’associazione “Registro Distrofie Muscolari, Atrofie Muscolari Spinali e Sclerosi Laterale Amiotrofica”.

 

LA GIORNATA NAZIONALE CONTRO LA SLA

La Giornata nazionale è nata nel 2007 per ricordare il primo sit-in dei malati di Sla, che il 18 settembre 2006 si riunirono a Roma, sotto il Ministero della salute, per portare all’attenzione dell’allora ministro Livia Turco i propri bisogni, primo tra tutti quello di presa in carico globale. Da allora, ogni anno, tra la metà di settembre e la prima settimana di ottobre, Aisla onlus promuove iniziative in tutta Italia per sensibilizzare l’opinione pubblica, le autorità politiche, sanitarie e socio-assistenziali sui bisogni di cura e assistenza dei malati e dei loro familiari e per sostenere la ricerca mirata sulla malattia. La sede zonale di Aisla onlus Marche è a Fano, in via Ranuzzi, 24. Per ulteriori informazioni ufficio stampa Aisla Paola Guzzetti (02.43986673), Filippo Bezio (0321.499727 e ufficiostampa@aisla.it), Sara Bernabovi – D’Antona&Partners (02.85457032 e s.bernabovi@dandp.it).

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>