Di Domenico: “Basta lamentarsi, una stagione da favola”

di 

5 ottobre 2011

Alessandro Di Domenico

Il consigliere Pdl Alessandro Di Domenico

PESARO – Italiani, un popolo di lamentosi. Lo pensa Alessandro Di Domenico, il consigliere comunale del Pdl che ha inviato un comunicato dal titolo emblematico: “Una stagione da incorniciare e nessuno lo dice”.

“E’ giusto lamentarsi quando le cose non vanno bene – scrive Di Domenico – è giusto sconsolarsi quando per sette giorni piove e fa freddo come è stato a fine luglio, oppure decretare il fallimento di una stagione turistica per evidenti segnali di crisi. Non è giusto, però, non evidenziare che agosto, settembre e inizio di ottobre sono stati da favola. Noi italiani abbiamo la pessima abitudine di lamentarci sempre, alle volte anche senza motivo, e raramente ammettiamo quando le cose vanno bene. Spesso, tra sindacati e associazioni di categoria, fanno a gara per chi la descrive più buia”.

Poi l’affondo decisivo: “In questo ultimo periodo, soprattutto entro la prima settimana di settembre, mi sarebbe piaciuto leggere parole lusinghiere sul mese di agosto e sulla fine della stagione turistica del 15 settembre, di fatto prolungata a fine mese scorso. Invece no. Sono trascorsi circa 65 giorni senza pioggia – tranne che per il 19 e 20 settembre che hanno alleviato, poco, la crisi idrica – le spiagge erano comunque piene, i bar e i ristorantini sempre ben frequentati. Oggettivamente molti operatori turistici erano ormai stanchi, ma non c’è nessuno che abbia preso la parola per dire che, se c’è stata “crisi” a luglio, almeno si è potuto recuperare dalla seconda metà di agosto fin a settembre. Anzi, forse qualcuno si preoccuperà a riprendermi dicendo che la vera stagione si realizza a luglio e che ci vorrebbero tanti altri settembre per recuperare. Opinioni, per carità, ma se nella stagione 2008-2009 molti operatori balneari hanno dichiarato mediamente 6mila euro di reddito annuo, così come riportato dai quotidiani, non vedo l’ora di sapere quando ci faranno conoscere quelli della stagione 2011. Cosa dovremmo aspettarci? Una media di 3mila euro? Ai posteri l’ardua sentenza, ops, o a chi per loro”. Firmato Alessandro Di Domenico.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>