Viaggio tra le squadre di A1

di 

6 ottobre 2011

di Davide Perugini

PESARO – Penultima puntata del viaggio nella nuova serie A di basket. Oggi altre quattro squadre: Varese, Avellino, Cremona e Bologna.

 

CIMBERIO VARESE

La squadra
Il miglior acquisto è il rinnovo del prestito da Siena dell’estone Kangur. Luca Garri e Diego Fajardo daranno esperienza e profondità alla panchina, mentre il compito di dare velocità al gioco sarà affidato ancora al finlandese Ranniko. Attenzione al giovane Ganeto, che Varese ha strappato a una folta concorrenza.

La stella
Justin Hurtt – Rimasto fuori dall’ultimo draft, questo tiratore mancino proveniente da Tulsa University unisce alle doti balistiche anche una notevole potenza fisica, vorrebbe sfruttare l’avventura varesina per ritentare l’avventura in NBA.

Il coach
Carlo Recalcati – Il veterano degli allenatori del campionato con i suoi 66 anni comincia la ventiduesima stagione con la consueta grinta per onorare i colori varesini che porta nel cuore.

L’obiettivo
Salvezza tranquilla

 

SIDIGAS AVELLINO

La squadra
Avellino, in difficoltà economiche, non è riuscita a trattenere tutte le sue stelle. Gli americani rimasti (Marques Green, Dean e Troutman) hanno già fatto un paio di scioperi pro-stipendio nel precampionato. Se riuscirà a trovare nuove risorse dovrà aggiungere un paio di nomi al roster che così sembra non sufficiente per affrontear con tranquillità la stagione.

La stella
Chevon Troutman – Prima del grave infortunio, era candidato al titolo di MVP della stagione. Eccellente rimbalzista, fa del gioco fisico il suo punto di forza. Avellino dovrà stare attento a non farselo strappare dalla concorrenza.

Il coach
Francesco Vitucci – Il coach veneziano difficilmente riuscirà a ripetere i buoni risultati dell’anno scorso. Le magagne societarie estive non potranno che rendergli il compito arduo.

L’obiettivo
Salvezza

 

VANOLI-BRAGA CREMONA

La squadra
Cremona continua nella sua linea slava che ha già dato buoni risultati, aggiungendo anche il massiccio bosniaco Edin Bavcic alla corte di Mahoric. Il belga Jonathan Tabu, ex Cantù, va ad allungare il pacchetto esterni, dove anche l’ex pesarese Daniele Cinciarini dovrà dare una mano alla stella Von Wafer.

La stella
Von Wafer – Acquisto passato sotto silenzio, nei grandi nomi che sono circolati in questo mercato l’ex Boston Celtics è uno che l’NBA l’ha giocata e da protagonista. Potrebbe essere il miglior acquisto nel rapporto qualità-prezzo.

Il coach
Tomo Mahoric – L’allenatore sloveno ha guadagnato il rispetto del pubblico cremonese, dopo la scorsa stagione dove la Vanoli si è tolta qualche soddisfazione anche contro team più blasonati. Da tenere in considerazione.

L’obiettivo
Salvezza

 

CANADIAN SOLAR BOLOGNA

La squadra
L’affare Bryant rischia di coprire gli altri componenti del roster bolognese. Infatti la Virtus, con l’arrivo di McIntyre e dell’ex Milwaukee Chris Roberts Douglas, ha aggiunto qualità a una formazione già valida dove Koponen e Poeta garantiscono velocità e leadership, mentre Sanikidze, Homan e Angelo Gigli formano un pacchetto lunghi di grande affidabilità.

La stella
Terrell McIntyre – Reduce da una travagliata stagione a Malaga, il play che detiene ancora il record di 10 su 10 da tre punti in una singola partita per il campionato italiano si ripresenta in Italia per riportare Bologna nell’élite. Se tornerà ai livelli dei quattro scudetti senesi rimane uno dei migliori play in circolazione in Europa.

Il coach
Alessandro Finelli – Raro caso di allenatore che ha guidato entrambe le squadre bolognesi, avrà il non facile compito di far dimenticare la sua militanza fortitudina. A Montegranaro la migliore stagione della carriera, avrà il non facile compito di assecondare l’esigenze di patron Sabatini.

L’obiettivo
Semifinale scudetto

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>