Volley, Novara spiega i suoi perché: “Nove società solidali con noi”. Interviene Urbino

di 

10 ottobre 2011

NOVARA – Dopo avere ordinato alla squadra di non scendere in campo – in casa – contro Modena, il presidente Antonio Caserta e il general manager Massimo De Stefano si sono detti “addolorati per il disagio creato nei confronti dei tifosi”.

Scavolini Pesaro 2

La Scavo Volley esulta (foto Marco Giardini)

Allo stesso tempo, i due dirigenti novaresi hanno voluto rivolgere “un ringraziamento ai rappresentanti di nove club di A1 (Foppapedretti Bergamo, Scavolini Pesaro, Mc Carnaghi Villa Cortese, Yamamay Busto Arsizio, Liu-Jo Modena, Chieri Volley Club, Spes Conegliano, Cariparma Sigrade Parma, Riso Scotti Pavia) e dell’Associazione Procuratori che, a mezzo stampa (il servizio è rintracciabile sul sito volleyball.it), hanno voluto esprimere la propria vicinanza e solidarietà a Novara. Non è facile – ha spiegato De Stefano – e non era mai successo prima, che un numero così grande di squadre si rivelasse solidale con un club alle prese con una determinata problematica. Si è trattato, per quanto ci riguarda, di un segnale importante di appoggio e solidarietà e per questo vogliamo dire grazie”. In verità, la situazione non è proprio così. Infatti, entrando nel sito volleyball.it leggiamo la dichiarazione rilasciata dal direttore sportivo pesarese Piergiuseppe Babbi allarga i temi: “Hanno portato avanti (Novara; ndr) la campagna acquisti per questa stagione con il presupposto di un’interpretazione delle norme ed è stata loro data l’opportunità di tesserare le atlete. Ora non si può cambiar tutto a due giorni dall’inizio del campionato… che ha già i suoi problemi. Con l’uscita di scena di Castellana Grotte e Perugia c’era l’opportunità di una stagione a dieci squadre che avrebbe permesso una programmazione più tranquilla anche in vista della World Cup e degli impegni pre-olimpici. Ora, invece che sul campo, si andrà avanti per tribunali e carte bollate…”.

Sembra una dichiarazione che contesta la dura presa di posizione del presidente della Lega Pallavolo Serie A Femminile, Fabris, pubblicata poche ore fa. Ma il vice presidente della Lega è il pesarese Alberico Miniucchi. Chiediamo aiuto, ci piacerebbe capirne di più.

Una nota della Robur Tiboni Urbino
 

 

URBINO – Facendo seguito ad un articolo apparso sul sito Volleyball.it nel quale si dichiarava che la ns. società si era astenuta a esprimere solidarietà alla società Asystel Novara, il ns. club tiene a precisare che:

1- Nessun giornalista di Volleyball ha mai chiamato nessuno della ns. società;

2- Un ns. dirigente ha ricevuto una telefonata nel pomeriggio di sabato da parte di un Procuratore che prannunciava un eventuale chiamata di un giornalista facente parte della testata giornalistica di Volleyball;

3- che il rifiuto a parlare con Volleyball.it non era una mancanza di solidarietà a Novara ma, piuttosto, un modo per evitare che quest’ultimo potesse continuare a “gettare benzina sul fuoco” viste le continue dichiarazioni ed articoli che quotidianamente pubblica sul proprio sito e che danneggiano ancora di più il ns. movimento;

4- Auguriamo alla società di Novara e al suo Presidente Antonio Caserta, del quale nutriamo grande stima, di poter risolvere nel migliore dei modi e nel rispetto delle regole questa diatriba con la Federazione Pallavolo.

l.m.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>