Alma, a Milazzo per dare una svolta alla stagione

di 

15 ottobre 2011

Fano-Ebolitiana

Un momento di Fano-Ebolitana. Foto Giardini

FANO – Ventimila chilometri, tra andata e ritorno. Che questo fosse un campionato massacrante, per l’Alma, lo si era capito al momento della composizione del girone. Che potesse essere anche complicato dal punto di viste dei risultati sul campo, invece, dopo i cambiamenti societari, in pochi lo avevano pronosticato. Il nuovo corso Baldassarri, dopo l’addio di Gaudenzi, cerca di certezze dopo aver viaggiato in altalena (vittoria straripante a Campobasso, brutto capitombolo casalingo con l’Ebolitana, nelle ultime due partite). Oggi, la squadra decollerà da Rimini in direzione Catania per raggiungere, domani, in pullman, la trasferta di Milazzo.

I siculi, reduci da due sconfitte consecutive, con uno score di 6 sconfitte complessive in 9 turni, renderanno cara la pella su uno stadio che già dal nome, il “Grotta Polifemo”, è tutto un programma. Bisognerà verificare i progressi del nuovo tecnico Amura alla guida di un gruppo che, non più tardi di qualche mese fa, si guadagnò a sorpresa i playoff (poi persi con l’Avellino). E’ vero, di quella squadra sono rimasti solo Proietti, Bucaro, Quintoni e pochi altri, ma l’ambiente, caldissimo, è voglioso quantomeno di riassaporare la vittoria e il primo gol casalingo stagionale. Non sarà della partita per squalifica l’esperto esterno sinistro Di Pasquale. Nell’Alma dovrebbe rientrare dal 1′ Antonioli (Mucciarelli, invece, non dovrebbe giocare), con Colombaretti libero di defilarsi sull’esterno mancino al posto dell’infortunato Amaranti.

Milazzo sarà una partita decisiva.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>