Fano, verso la creazione di 4 istituti comprensivi

di 

19 ottobre 2011

FANO – La creazione di 4 istituti comprensivi. E’ questa la decisione uscita dall’incontro tra l’assessore Alberto Santorelli, il dirigente dell’ufficio Servizi Educativi Fausto Schermi e i dirigenti scolastici. “Questa seconda opzione — ha rimarcato l’assessore Santorelli — cerchiamo di dare una risposta preservando il percorso previsto per la creazione delle scuole di Carrara e di Bellocchi”.  Il progetto ha tenuto conto della proposta di una docente dell’istituto Gandiglio e dei piani presentati dal comitato “Insieme per la scuola”, dalla Gandiglio e dalla Padalino: con questa nuova soluzione gli studenti resterebbero nella propria sede, mentre le dirigenze scolastiche e le segreterie andrebbero a ridursi da 6 a 4 (soppresse Padalino e S.Orso).

Fano 1 sarebbe composto da Montesi-S.Orso, Carrara-Cuccurano, la materna di Tre Ponti insieme a quelle di Cuccurano, la Tombari di Bellocchi, Montessori, Falcineto e S.Orso, VagocolleDecio Raggi,  e la scuola media Padalino. Fano 2, Gandiglio: Luigi Rossi, Gentile, l’istituto Corridoni, l’Albero Azzurro e le materne di Vallato e Gimarra. Si creerebbero così due grandi istituti da 1700 alunni circa (Montesi-S.Orso e Gandiglio), uno da 1300 (Nuti) e uno da 675 (Faà di Bruno).

Un commento to “Fano, verso la creazione di 4 istituti comprensivi”

  1. Giovanni scrive:

    Ve lo immaginate un dirigente scolastico (preside) che deve “badare” 1300 alunni, di tre tipi di scuola diversa (materna, elementare e media) in edifici diversi, con tanti docenti? In pratica un disservizio continuo. Questo succede quando il “taglio lineare” è fatto con la calcolatrice e non con la testa. Le amministrazioni serie fanno ricorso (al tar) e resistenza. La nostra invece, amplifica il disastro. Esiste un piano alternativo fatto dal comitato “Insieme per la scuola”, graduale, dove non si sposta nessuno, che funzionerebbe, sia se si “permuta” sia che non “si permuti” la Padalino (da cui è partito tutto, visto che la vogliono “valorizzare” facendoci appartamenti e negozi).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>