“Sarà bello, ma a Loreto Aprutino sabato dobbiamo fare punti”

di 

21 ottobre 2011

Il laterale del PesaroFano Paolo Cesaroni torna a casa
 

Paolo Cesaroni

Paolo Cesaroni

PESARO – Sabato tornerà nella sua terra, a nemmeno 20 chilometri da Montesilvano dove abita di fronte al palazzetto che due anni fa s’è tinto del tricolore del calcetto. Quella di Loreto Aprutino sarà una gara particolare per Paolo Cesaroni, 22enne laterale del PesaroFano.

“Ma nelle Marche sto benissimo – esordisce il calciatore a 5 dell’Italservice – Sono arrivato a Pesaro e a Fano dopo un contatto con Mirko Ciabotti (il direttore sportivo biancorosso, ndr) che mi aveva visto giocare all’Adriatica Pescara. L’anno scorso era il primo che giocavo a calcio a 5, tant’è che ad agosto avevo iniziato la preparazione col Miglianico, compagine di calcio a 11 che milita in serie D (nel girone della Vis, ndr). Mi è subito piaciuta la nuova avventura anche se, dopo un inizio positivo, alla fine non è che abbia giocato moltissimo. Così in estate cercavo una squadra che mi desse spazio e la possibilità di crescere. Arrivata la richiesta del PesaroFano, l’ho presa al volo”.

Questo è il passato. Il presente racconta di un ragazzo che dice di essersi integrato benissimo “in un gruppo giovane e per questo affamato, formato da elementi che hanno voglia di crescere assieme”. Un gruppo che sabato giocherà in casa del Loreto Aprutino, formazione che lo stesso Cesaroni giudica temibile. “Ci aspetta un ambiente caldo – avverte il laterale abruzzese – Per noi sarà una gara ostica a cui a mio avviso arriviamo preparati. Ci siamo allenati benissimo e sicuramente diremo la nostra. Sarà bello per me tornare a casa, ma sarà ancora più bello farlo conquistando punti sul campo”.

Paolo Cesaroni, che tra le altre cose è figlio d’arte – il padre Pietro ha giocato a calcetto ai massimi livelli arrivando anche in Nazionale – è elemento di punta anche della compagine under 21 dell’Italservice. “Un bel gruppo che può arrivare lontano”, dice a proposito della compagine giovanile. E la prima squadra, dove può arrivare? “La società ci chiede la salvezza ma noi vogliamo arrivare più in alto. Facciamo i punti necessari al mantenimento della categoria il prima possibile, e poi vediamo”.

Ulteriori info sull’universo PesaroFano sul rinnovato sito www.pesarofano.it .

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>