Vis Pesaro ma anche Vismara

di 

21 ottobre 2011

di Roberto Terenzi

Davide Vaierani 1

Davide Vaierani, colpo del mercato estivo del Vismara (foto Marco Giardini)

PESARO – Se  la Vis è la prima squadra di Pesaro, il Vismara Calcio 2008, non lo dimentichiamo, è la seconda realtà della nostra città. Come se la Vis fosse un cavallo di razza e il Vismara un giovane puledro purosangue. Vismara è si un rione che vuol sfidare la città ,un po’ come il Chievo, un piccolo sobborgo di Verona che ora è approdato in serie A, superando addirittura la prima compagine cittadina. Come nel del film con Alberto Sordi presidente del Borgo Rosso ambiva alla massima categoria e  il prodotto cinematografico con  Lino Banfi, nei panni di un allenatore che portava un team come la Longobarda a lottare per lo scudetto.

Solo fantasie calcistiche, il Vismara finora  sta solo semplicemente lottando in Promozione, dopo essersela sudata qualche anno fa, dopo anni e anni di categorie prima categoria.

Occorre ricordarsi  che nella città di Rossini ancora regna sovrano sua maestà il Basket con la mitica Scavolini, ma il  calcio-sovrano decaduto continua ad avere come desiderio il ritorno nel suo trono.

Dicevamo del Vismara, un piccolo quartiere di poco più di mille anime a pochi chilometri da Pesaro, sempre appassionati di calcio. Sin dal 1970 quando l’allora Fabbrecce militava in terza categoria.  Scoppiettanti e indimenticabili i derby con la vicina Cattabrighe. Poi  nel 1983 la fusione con la seconda compagine dello stesso quartiere la Fabbreccese ed infine l’unione non priva di contestazione con l’acerrima nemica Cattabrighe.  Nel 1993, da una specie di triunvirato del pallone, nacque invece la Belligotti, che prese il nome dallo stesso sponsor, Poi dal 2008 ecco il Vismara  calcio del Presidentissimo Flavio Parlani. Un imprenditore serio e schivo che ha preso sempre a cuore le sorti della società giallo-rossa

Ora dal 2010 è coadiuvato da  altri due  importanti personaggi, la coppia di imprenditori Marco Ferri e Antonio Vecchioni: insieme stanno costruendo  una solida e seria società, invidiata da molti. Da anni confortati da dirigenti volenterosi ed allenatori esperti hanno lavorato assai bene pure  con il vivaio. Il Vismara ha un settore giovanile fra i più floridi della provincia.

Ora purtroppo per motivi contingenti, il campo di via Liri è assai disastrato e poco praticabile, soprattutto durante l’inverno. Così  la compagine giallo-rossa è stata costretta ad emigrare nella non lontana Gabicce,  dove avrà  la possibilità di disputare le gare casalinghe in questa  ridente cittadina rivierasca. Anche se non senza difficoltà la squadra, insieme ai suoi caldi tifosi,  in tutte le domenica che si gioca in casa deve sobbarcarsi dieci chilometri, una piccola trasferta. Ma l’amore e la passione per il Vismara è così grande che questa distanza la si può percorrere  anche a piedi.

Sono queste le belle realtà del calcio italiano, in un momento non certo sereno e florido per tutto il mondo del pallone e non.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>