Vis Pesaro in festa, (calci)otto in pagella. Tutte le foto

di 

26 ottobre 2011

PESARO – Più che un’inaugurazione è stata una grande rimpatriata. Allargata, senza tempo, praticamente un almanacco vivente delle figurine Panini dedicato alla Vis. Perché il battesimo del nuovo campo da “calciotto”, in erba sintetica, di Villa Fastiggi, all’interno dell’impianto di via Canonici e intitolato a Gino Vitali, è stata l’occasione per celebrare una grande festa biancorossa aperta a tutti: dai ragazzi del settore giovanile vissino che, squadra dopo squadra, sono stati chiamati dal grande Vittorio Cassiani per la foto di rito, ai ragazzi di oggi con capitan Paoli e mister Pazzaglia in testa, passando per le vecchie glorie di ieri. “Complimenti sinceri, questa struttura è un gioiello – è stato il saluto e il ringraziamento di Daniele Arrigoni, ultimo allenatore vissino vincente tra i Pro -. E’ la prima volta che vedo una collaborazione così tra una società e un’amministrazione comunale. Ora, però, servirebbe mettere apposto il Benelli…”. Dopo il restyling del campo di Villa Ceccolini e la creazione di questo campo da calcio a 8 a Villa Fastiggi (questo sarà gestito dalla Vis, sarà usato dalle giovanili e in casi particolari anche per gli allenamenti della prima squadra), l’Amministrazione comunale per voce del sindaco vuole proseguire su questa strada: “Ho giocato a calcio per un solo anno – ha rivelato Ceriscioli, in compagnia degli assessori Belloni, Briglia e Barbanti, del portavoce Arceci  e del dirigente comunale Pozzolesi – e il mio allenatore fu proprio Gino Vitali a cui oggi intitoliamo questo campo. Tutto questo gli avrebbe fatto molto piacere. Punteremo ancora su queste strutture: lo sport aiuta a diventare campioni nella vita, insegna sani principi, aiuta a socializzare e a creare aggregazione”.

Precisa e puntuale l’organizzazione del direttore vissino Leandro Leonardi. Erano presenti il Coni, diversi consiglieri comunali (tra cui Trebbi,  il primo a spingere per la figura di Gino Vitali) e i rappresentanti di quartiere. Perché l’opera, al di là del calcio, è un vero soffio di vita su un angolo che per anni ha vissuto come crocevia di polvere e fango. La risposta alle parole del sindaco le ha date subito la tribunetta affacciata sul campo: piena in ogni ordine di posto per accogliere amici e parenti dei piccoli giocatori vissini che, dopo la cerimonia di presentazione diretta dal dg biancorosso Leonardi (con tanto di consegna di trofei ricordo e belle parole per la creazione di uno spazio così attrezzato, utile e all’avanguardia), hanno disputato alcune partitelle. Sul piazzale attiguo al verdissimo campo, nel frattempo, si sono mischiate tante Vis del passato e del presente. “Scusatemi ma devo scappare, oggi devo definire la trattativa con una società straniera – ha spiegato Arrigoni, accompagnato da Nicola Cancelli, ex mister della Juniores vissina e del Montecchio, oggi suo collaboratore -. A Pesaro sono ancora legatissimo anche se noi, spesso, ci dovevamo allenare dietro le porte del Benelli. So che sta andando alla grande in D, mi fa piacere: non potevo mancare. E poi, per l’inagurazione a Villa S. Martino, l’altra volta, c’era mio figlio (nella Primavera del Cesena, ndr). Era una questione di famiglia…”.

Simone Pazzaglia, insieme al vice Magi, prima di scendere in campo nella partita tra vecchie glorie pesaresi (terminata, per la cronaca, 8-4 per i biancorossi dello stesso Pazzaglia, Ciaschini e di un super Tentoni sui neri dei Clementoni, Pieri e Todde), ha avuto il piacere di conoscere, di persona, un suo illustre predecessore come Cantone. Gran cerimoniere, il decano degli allenatori vissini Becchetti: “Cantone è stato il miglior giocatore che ho avuto” ha spiegato il “mago” al Paz. Ma Pazzaglia ha aggiunto: “E anche come allenatore, poi, ha fatto benissimo”. Cantone, arrivato alla Vis come giocatore nel ’66, scoprendo la famosa pelata, ha rivendicato con orgoglio il suo record di risultati utili consecutivi. Storie di calcio, storie di Vis. Ciaschini, oggi nello staff di Carletto Ancelotti, ma anche Ceccolini che proprio da Pesaro si mise in luce arrivando poi a giocare nel Cagliari di Gigi Riva. Tanta Vis: Tentoni, fortissimo anche senza Luca Pazzaglia, Olive e Gasperini (che sarebbe dovuto venire ma all’ultimo ha dovuto rinunciare per un concomitante viaggio in Inghilterra), i Clementoni, Giorgio e Davide, Todde, La Volpicella, Tonici, Leonardi, Pieri (che in una puntata cult di Mai dire Gol, con il Benelli allagato, entrava in campo in groppa a un compagno di squadra per non inzupparsi le scarpe), Cucchiarini, Giovanetti e tanti altri. D’eccezione pure l’arbitro, l’ex fischietto di Serie A Cruciani. Ospite d’onore, Eraldo Pecci. “Mi sarebbe piaciuto tanto giocare nella Vis” ha sorriso l’ex bandiera del Bologna, oggi commentatore tv. “Strutture del genere – ha aggiunto, prima di battere il calcio d’inizio – fanno bene allo sport, al calcio e alla tecnica delle nuove leve. Anzi, io le giovanili le farei giocare solo in queste strutture, più piccole ma con un fondo perfetto, per lavorare al meglio sulla tecnica individuale”.

 

2 Commenti to “Vis Pesaro in festa, (calci)otto in pagella. Tutte le foto”

  1. Andrea scrive:

    non è per aprire una polemica, ma questo campo non è da calciotto… infatti non è possibile giocare lì le partite del campionato uisp che raccolgono molti appassionati del posto!!!

    • admin scrive:

      Sì, ci hanno riferito che le misure non sono da calciotto per una questione di 5 metri. Però questo campo sarà molto utile per le giovanili della Vis che, finalmente, dopo anni avrà una struttura ideale dove poter far crescere i propri ragazzi più piccoli. E te lo dice uno che, tra i 12 e 14 anni, ha giocato nel settore giovanile della Vis allenandosi o dietro le porte del Benelli o al supplementare…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>