Imprenditori ed artigiani assieme a Ricci per combattere la crisi

di 

27 ottobre 2011

Matteo Ricci alla Cariaggi

Il presidente Matteo Ricci in una delle visite alle aziende

PESARO – Tutti insieme appassionatamente… contro la crisi. I vertici di Confindustria, Cna e Confartigianato hanno incontrato il presidente della Provincia Matteo Ricci per fare il punto sulla difficile situazione economica che sta attraversando il mondo delle imprese. Al vaglio possibili linee di intervento finalizzate a ridimensionare, se non a superare, la gravità del momento, consapevoli del fatto che, a livello nazionale, per l’esorbitanza del debito pubblico, è problematico reperire risorse a sostegno dello sviluppo.

L’incontro con Matteo Ricci è stato anche l’occasione per riaffermare l’esigenza di avere risposte rapide sui cinque punti contenuti nel manifesto “Il progetto delle imprese per l’Italia”, sottoscritto da tutte le associazioni imprenditoriali per rilanciare l’economia e per chiedere un immediato e profondo cambiamento in grado di generare più equità, maggiore ricchezza e riduzione del debito pubblico.

Confindustria, Cna e Confartigianato hanno condiviso la volontà espressa dalla Provincia per un accurato uso degli ammortizzatori sociali e l’attenzione riservata alla gestione delle vicende di crisi che hanno coinvolto non poche aziende e, nello stesso tempo, si sono fatte interpreti dello stato d’animo degli imprenditori particolarmente preoccupati per l’assenza di una vera politica di sostegno dell’economia.

D’intesa, le tre associazioni di categoria e la Provincia hanno manifestato la loro vicinanza all’imprenditoria locale, assediata da una crisi del mercato e del credito di eccezionale complessità.

La Provincia inoltre, allo scopo di venire incontro alle esigenze delle imprese, ha condiviso con le organizzazioni datoriali la necessità di esaminare le procedure amministrative, dipendenti dal sistema locale, che impattano sulle imprese per operare degli interventi di semplificazione e di riduzione dei tempi decisionali.

L’auspicio è che, in questa delicata fase di difficoltà, tutti gli enti e le istituzioni che hanno rapporti quotidiani con le imprese testimonino la condivisione dei valori sociali, di cui esse sono portatrici, e – fermo restando l’interesse di tutti a perseguire qualsiasi forma di illegalità – adottino un approccio partecipativo e sensibile nei confronti delle aziende che con molto coraggio ed energia, nonostante tutto, continuano a produrre la più importante fonte di benessere per la nostra comunità.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>