Una sera a cena con le vecchie glorie della Vis

di 

27 ottobre 2011

Vecchie glorie Vis

Foto di gruppo tra dirigenti, amministratori e vecchie glorie

PESARO – Una meravigliosa rimpatriata tra vecchie glorie biancorosse. Dopo la presentazione del nuovo campo in sintetico da 60 per 30 a Villa Fastiggi, nella struttura sportiva intitolata a Gino Vitali, molti dei nomi che hanno fatto la storia della Vis si sono ritrovati a cena. Alla trattoria da Sante, tra un primo e una frittura di pesce intervallati da richieste sul risultato della Juve con la Fiorentina (di mister Simone Pazzaglia ma non solo), il tutto è scivolato via in maniera piacevole e leggera.

C’erano, tra gli altri, Valentino Tonici e Carlo Casadei, Fulvio Giovanetti, Marco Mazzoli, i due Clementoni (Giorgio e Davide) e Stefano Pieri. E poi Nino La Volpicella, oltre agli amministratori Franco Arceci ed Enzo Belloni, rispettivamente il portavoce del sindaco Ceriscioli e l’assessore comunale allo sport di Pesaro, e ai dirigenti di oggi. In primis Leandro Leonardi, il responsabile dell’area tecnica vissina che ha fortemente voluto la giornata di celebrazioni, il team manager Maurizio Sabattini, Gianfranco Santini e Stefano Bizzocchi.

Clima goliardico, rotto dai ricordi commossi di chi la Vis, anche in tempi recenti, l’ha allenata. “Non vengo al Benelli però mi manca un sacco allenare – ha detto Fulvio Giovanetti, il mister Futbol Pesaro di Promozione – La scelta di lasciare? Non sono pentito perché decisi così per ragioni mie. Però se mi capitasse l’opportunità di guidare una squadra giovanile, magari di un club professionistico, la prenderei al volo. Fermo restando che l’esperienza di osservatore per club di serie A è quella che mi è piaciuta di più”.

“Nemmeno io vengo a vedere la Vis di oggi perché sono in cerca di panchina – scherzava, ma non troppo, Carlo Casadei – Al di là di questo, sono felice che la squadra si stia comportando benissimo pure in serie D, anche  perché formata da diversi elementi che io ho allenato nelle giovanili. E mi riferisco ai vari Pangrazi e Letizi, a Giovanni ed Eugenio Dominici”.

Anche Giorgio Clementoni, terzinaccio e allenatore in epoche diverse, si gonfiava il petto pensando alla squadra attuale: “Dei Giovanissimi che allenavo e che vinsero i regionali facevano parte i gemelli Dominici e Ridolfi che oggi tanto bene stanno facendo in prima squadra. Io la Vis ce l’ho nel cuore. Ecco perché mi è dispiaciuto non ricevere un qualche incarico anche in una giovanile. Due anni fa, quando ero il secondo di Scardovi, dissi che paradossalmente la Vis era più una squadra da serie D che da Eccellenza. Avevo ragione”.

Chiosa d’obbligo per Leandro Leonardi, il direttore che ha ringraziato tutti: “Avete dato un messaggio di amore per la squadra e per il calcio importantissimo. Una bella giornata che sono convinto abbia arricchito i nostri giovani”. Vero, anzi sacrosanto. Complimenti per l’iniziativa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>