L’equilibrio regna sotto i canestri

di 

30 ottobre 2011

di Luciano Murgia

Scavolini Bennet

(foto tratta dal sito della Lega Basket)

PESARO – Mai campionato più equilibrato, mai così avvincente. Addirittura sei le squadra in vetta alla classifica, con la Pepsi Caserta unica imbattuta. Hanno già una sconfitta a testa Cantù, Milano e Siena, le tre grandi favorite. Due sono merito della Scavolini Siviglia, incappata in una battuta d’arresto solo a Biella, e ricordiamo come. Avere fermato Milano e Cantù non può essere un caso. Ci sembra, allora, che la squadra e l’allenatore meritino più fiducia. Vero è che il tifo ai tempi di internet gode di impunità assoluta e che tutti quelli che non si firmano possono vomitare addosso ogni insulto possibile a seri professionisti qual è Luca Dalmonte. Ci hanno raccontato che il coach romagnolo era finito addirittura sotto accusa per la prestazione disastrosa di Jumaine Jones nell’esordio di Biella. Lo ricordate? Zero punti, 0/3 da 2 e altrettanto da 3. Colpa del coach, ovvio.

Ora sarebbe il caso di essere più equilibrati, magari riflettendo sul gioco – eccellente – mostrato contro l’Emporio Armani e a Cantù (dal 5° minuto in poi, ovvio), sul fatto che – non dimentichiamolo – la squadra di Scariolo ha chiuso il primo tempo di Sassari sopra di 20 punti e che la società sarda ha fatto pagare la partita con i milanesi anche agli abbonati, proclamando la “Giornata Nba”, mentre la Vuelle la sedicesima gara piovuta dal cielo con la “promozione” di Venezia l’ha offerta ai tifosi più affezionati.

Insomma, più fiducia ai biancorossi, dai dirigenti ai tecnici, ai giocatori, compreso quel Jones che divide la critica: piace ad Attilio Caja, ospite di Alessandro Tiberti nei minuti che precedono la diretta di Sassari, è bocciato da Pozzecco nella diretta su La7.

A proposito di diretta, quella di Cantù ha regalato anche un fallo tecnico al coach brianzolo Andrea Trinchieri, punito per avere bestemmiato. Dopo la figuraccia, Trinchieri si è scusato. Ma l’episodio ci fa venire in mente la Cantù di una volta, quella del sciur Aldo Allievi, del “chierichetto” Marzorati. Dubitiamo che avrebbero assolto l’allenatore.

 

Scavolini BennetDunque, la giornata ha confermato che la stagione potrebbe essere meno scontata dei precedenti campionati. Siena, sconfitta in casa da Caserta, è stata a un passo dal baratro anche a Biella. Si è salvata alla fine, ma ha tremato. E ha rischiato grosso la Canadian Solar di Sabatini, che prima ha dominato ma poi ha sofferto per avere ragione di Cremona, che a Piazza Azzarita perde sempre di pochissimo. L’anno scorso la salvarono gli arbitri, che non punirono il più antisportivo dei falli visti sui parquet italiani Quest’anno l’hanno aiutata i primi 30 minuti dei lombardi, addirittura inguardabili.E’ andata male anche a Montegranaro, pure capace di risalire da un meno 16. Osservando la diretta su E’Tv Marche commentata da Massimo Carboni, per tanti anni voce di Tuttobasket, non pochi avranno confidato in una ripetizione della partita del giorno prima, in una rimonta stile Scavolini Siviglia. Non è arrivata, con il polacco Szewczyk semplicemente maestoso, mvp della giornata. Vero, Wafer ha segnato di più e così Coleman, ma le loro squadre hanno perso.I risultatiCavaliero al tiro contro la Bennet

 

Bennet Cantù-Scavolini Siviglia Pesaro 66-71 (giocata sabato)

Canadian Solar Bologna-Vanoli Braga Cremona 80-78

(Parziali: 19-13; 22-17; 20-16; 19-32): Koponen e Homan 18; Wafer 31, Daniele Cinciarini 7. Rimbalzi: Homan 12 (6 dif+6 of); Tabu 7 (6+1); Assist: Poeta 5; Cinciarini 2.

Virtus Roma-Cimberio Varese 74-76 dts

(13-9; 20-26; 17-19; 15-11; 9-11): Tucker 17; Stipcevic e Kangur 15; rimbalzi: Tucker 10 (10+0); Diawar 12 (8+4); assist: Maestranzi 3; Stipcevic 8.

Pepsi Caserta-Novipiù Casale Monferrato 67-52

(17-16; 22-8; 10-13; 18-15): Fletcher 19; Janning 13; Malaventura 7. Rimbalzi: Smith 11 (9+2); Pierich 8 (7+1). Assist: Collins 6; Malaventura, Gentile e Nnamaka 1.

Angelico Biella-Montepaschi Siena 67-70

(17-22; 15-17; 20-13; 15-17). Coleman 27; McCalebb 19. Rimbalzi: Dragicevic 7 (7+0); Andersen 7 (7+0). Assist: Pullen 4; McCalebb e Zizis 3.

Banca Tercas Teramo-Sidigas Avellino 57-71

(18-18; 15-17; 12-13; 12-23). Amoroso 11; Slay 15. Rimbalzi: Brandon Brown 12 (7+5); Johnson 15 (9+6). Assist: Dee Brown 3; Spinelli 5.

Umana Venezia-Fabi Shoes Montegranaro 72-62

(25-12; 13-20; 18-16; 16-14). Szewczyk 22; Zoroski 14. Rimbalzi: Szewczyk 11 (7+4); Ivanov 8 (6+2). Assist: Clark 5;  Zoroski 3. Fra i veneziani, non è entrato il pesarese Giovanni Tomassini.

Banco di Sardegna Sassari-EA7 Emporio Armani Milano 61-88

(6-21; 19-24; 16-17; 20-26). Hosley 20; Hairston 17. Rimbalzi: Hosley 7 (6+1); Melli (7+1) e Gallinari (6+2) 8. Assist: Hosley 4; Cook 5.

Classifica

Avellino, Cantù, Caserta, Milano, Siena e Varese 6

Scavolini Siviglia Pesaro, Biella, Bologna, Roma e Sassari 4

Cremona, Montegranaro, Treviso e Venezia 2

Casale e Teramo 0

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>