A Valencia con SuperSic nel cuore. Il ricordo di Vale

di 

4 novembre 2011

Valentino Rossi e SuperSic

Valentino Rossi e SuperSic

VALENCIA (Spagna) – Il carrozzone del motomondiale è tornato in pista con le lacrime agli occhi. A Valencia l’ultimo Gran premio dell’anno è scandito dal ricordo di Marco Simoncelli, scomparso nemmeno due settimane fa a Sepang. C’è chi, come Capirossi, ha deciso di correre per l’ultima volta in carriera con la moto griffata 58 – il numero di SuperSic – e chi, come l’amico Valentino Rossi, ottimo terzo nelle prove libere del venerdì, domenica correrà con un casco identico a quello usato dal campione di Coriano.

“E’ inutile negare che sia un momento difficile – ha detto Rossi dal paddock spagnolo di Valencia – E’ un fine settimana strano. Però correre è il modo migliore per ricordare Marco. In questi giorno ho cercato di passare più tempo possibile con la sua famiglia. Ho perso un amico e questo vuoto è impossibile da cancellare”.

Poi sul grande abbraccio in cui si è stretto ogni angolo del Paese dopo che si è materializzata la tragedia: “In tantissimi hanno dimostrato il loro aspetto. Anche in un momento così terribile si respirava una bella atmosfera. Ne ho parlato anche con suo padre Paolo: la reazione della gente è stato un qualcosa di emozionante e commovente. Ti rendi conto di quante persone gli volevano bene. Marco era uno che ti faceva divertire sia in pista che fuori. Era uno di quei piloti che ti fanno appassionare a questo sport. Meritava un simile tributo”.

Vale, che ha ricordato le tante uscite in kart o sulle moto da cross assieme all’amico scomparso – “Non c’è un solo ricordo che non mi strappi un sorriso: Marco era uno con cui era facile divertirsi” – ha un solo rammarico: “Quello di non essere riuscito a fare una bella bagarre con lui in MotoGp. L’anno scorso ero io ad andare più forte mentre in questa stagione era lui il più veloce”.

Infine, il casco che indosserà: “E’ bellissimo e ha un significato più importante e profondo degli altri, mi piace molto e vorrei usarlo il più possibile. Sono sicuro che il Sic è contento di vederlo”

e.lu.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>