Cambio della guardia al vertice dei carabinieri pesaresi

di 

4 novembre 2011

logo carabinieri

PESARO – Cambio della guardia al vertice dei carabinieri provinciali. Il tenente colonnello Giuseppe Donnarumma, 48 anni, originario Udine, ha assunto l’incarico di comandante provinciale, avvicendando il colonnello Stefano Fedele.

L’ufficiale è giunto a Pesaro provenendo da incarichi di Stato Maggiore del Comando generale dell’Arma di Roma. Laureato in ingegneria industriale all’università di Udine e presso la facoltà di giurisprudenza di Roma, ha intrapreso la carriera nell’Arma nel 1986, formandosi presso la Scuola ufficiali carabinieri di Roma e prestando servizio prima a Mestre e poi a Vicenza.

Ha successivamente operato per quasi 12 anni quale comandante di compagnie ad alto profilo operativo delle province di Milano e di Varese, dedicandosi all’individuazione degli autori di innumerevoli crimini efferati. Ha ricoprendo anche l’incarico di vice comandante del Ros di Milano, guidando i suoi uomini alla cattura degli autori del sequestro di persona a scopo di estorsione dell’industriale lombardo Fabio Tacchinardi e alla liberazione del sequestrato.

All’estero per un anno, ha operato quale ufficiale del Ros occupandosi delle attività di individuazione e cattura dei responsabili di eccidi serbi nell’enclave di Srebrenica (Bosnia-Erzegovina) ad opera delle milizie del generale Ratko Mladic.

Comandante dal 2003 del nucleo investigativo provinciale di Cagliari, ha operato per cinque anni alle strette dipendenze della Procura distrettuale Antimafia, occupandosi di importanti indagini in materia di narcotraffico, traffici di armi e fenomeni eversivi, giungendo tra l’altro all’individuazione della cellula anarco-insurrezionalista responsabile della stagione sarda di attentati. Tra di essi la lettera esplosiva indirizzata all’epoca all’onorevole Romano Prodi durante il suo mandato di presidenza della Commissione europea.

Il tenente colonnello Donnarumma ha conseguito il titolo di Alta Formazione delle Forze di polizia, all’esito di un anno di corso presso la scuola di perfezionamento FF.PP del Ministero dell’Interno a Roma, per essere poi assegnato quale capo Sezione Programmazione finanziaria dell’ufficio Armamento ed equipaggiamenti speciali del Comando generale dell’Arma.

L’ufficiale, Cavaliere della Repubblica, è stato insignito dal Presidente della Repubblica della medaglia di Bronzo al Valor Civile, per un importante atto di valore in cui è rimasto ferito in Sardegna ed è decorato delle più alte onorificenze del Ministero della Difesa francese e del Ministero della Difesa argentino.

Buon lavoro a lui, e un grazie al suo predecessore Stefano Fedele, dalla redazione di PU24.IT.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>