Scavolini, sarà un novembre da “all-in”

di 

4 novembre 2011

Scavolini Siviglia-Milano, Marco Cusin

Marco Cusini vola. Foto Giardini

PESARO – Nel mese di novembre la Scavolini Siviglia è attesa da un poker di incontri che dovrebbero chiarire che tipo di campionato l’attende. Dopo la partita con Venezia, la Vuelle andrà a Caserta, prima di un doppio impegno casalingo con Treviso ed Avellino, formazioni che appartengono alla categoria medio-alta del ranking, fascia dove Pesaro dovrà rimanere per raggiungere l’obiettivo playoff.

 

LA PARTITA DELLA SETTIMANA

SCAVOLINI SIVIGLIA PESARO(2v.-1p.) – UMANA VENEZIA(1v.-2p.)

Domenica 6 novembre ore 18.15 – Adriatic Arena di Pesaro.

 

L’AVVERSARIA DELLA SETTIMANA

Anche se ammessa in serie A appena dieci giorni prima dell’inizio del campionato, l’Umana Venezia si era già preparata al ripescaggio, allestendo un roster di tutto rispetto con l’ex pesarese Keydren Clark a guidare le operazioni. Le aggiunte in corsa dell’ex canturino Bowers e del transfuga avellinese Szewczyk hanno ulteriormente alzato il tasso tecnico a disposizione di coach Mazzon. Tra gli italiani segnaliamo Giovanni Tomassini, che a Pesaro non è mai riuscito ad emergere e dopo l’esperienza riminese in Legadue, ritrova la massima serie.

 

IL MOMENTO DELLE SQUADRE

L’impresa di Cantù è una delle vittorie più importanti dell’era Dalmonte a Pesaro, per la caratura dell’avversario e per la difficoltà di espugnare un fortino come il Pianella. Convince la voglia della squadra di dannarsi l’anima in difesa, anche in giocatori che non  l’hanno nel proprio Dna, convincono meno alcune forzature offensive, nella speranza di riavere presto un James White in condizioni accettabili. Con Jones e Flamini ancora alle prese con acciacchi vari, a dare una mano negli allenamenti è stato preso l’italo-americano Joe Trapani, rilasciato da Casale Monferrato.

La Reyer Venezia, dopo le sconfitte con Siena e Cantù, è reduce dalla convincente vittoria casalinga contro la Fabi Montegranaro, trascinata da un Symon Szewczyk da 22 punti e 11 rimbalzi. Il team veneziano è sicuramente attrezzato per disputare un’ottima partita e non si dovrà prendere l’incontro sottogamba solamente perché non si ha di fronte un top team.

 

IL DUELLO CHIAVE

JUMAINE JONES VS SYMON SZEWCZYK

Sperando che l’americano di Pesaro sia supportato da un buono stato fisico, il duello fra Jones e il polacco di Venezia promette scintille. Si affronteranno due giocatori che nel ruolo d’ala grande hanno dominato le statistiche nella scorsa stagione. Entrambi eccellenti rimbalzisti e dotati di un tiro efficace anche dalla lunga distanza.

 

UN PO’ DI NUMERI

Marco Cusin primo nelle stoppate, Cavaliero quinto negli assist, Hackett quinto in valutazione le note positive individuali, ultimo posto nei rimbalzi, quartultimo negli assist e nella percentuale da tre, le note negative di squadra.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>