Jones e Flamini ok. Stasera cronaca e galleria fotografica

di 

5 novembre 2011

di Luciano Murgia

Simone Flamini

Simone Flamini (foto Marco Giardini)

PESARO – La notizia più attesa: Jones e Flamini saranno in campo, alle ore 18,15 di domenica, quando Pozzana, Quacci e Vicino daranno il via alla sfida – molto attesa, per diversi motivi – tra le uniche due squadre che rappresentano il mare Adriatico nel mondo dei canestri. Ancona? No, si gioca ad Ancona ma la squadra è di Montegranaro. C’era preoccupazione dopo gli infortuni del capitano e dell’americano, si temeva che i due potessero dare forfait, ma l’eccellente lavoro dello staff medico e dei fisioterapisti consente a coach Dalmonte di presentare la squadra al completo, anche se è evidente che alcuni non saranno nella condizione migliore. Pesaro-Venezia, riparte la storia Una sfida attesa, perché è la prima dopo tanto tempo in serie A fra due squadre che hanno fatto la storia della pallacanestro italiana. Pensate che la Reyer ha esordito in serie A nel 1930 e ha vinto lo scudetto nel 1941/42. Un successo bissato l’anno dopo. La prima sfida tra Pesaro e Venezia nella stagione 1950/51. Furono due sconfitte per la Vuelle. L’ultimo confronto tra Vuelle e Reyer risale alla stagione 1993/94, quando i veneziani erano sponsorizzati dall’Acqua Lora. In laguna s’imposero i veneziani (93-92).A Pesaro vinsero i biancorossi (102-81) era il 2 gennaio 1994. In quella Scavolini giocava l’ex veneziano Andrea Gracis, arrivato a Pesaro in compagnia di un altro ex Reyer, Luca Silvestrin. Un altro ex di entrambe le squadre è Giovanni “Nane” Grattoni. Sulla panchina pesarese si è seduto un grande personaggio della Reyer, Tonino Zorzi. Oltre 4.000 abbonati, Del Moro soddisfatto Dunque, ritorna la storia. Ed è bello che il pubblico pesarese sia di nuovo numeroso, anche se l’immagine interna dell’Adriatic Arena fa stringere il cuore, pensando ai miliardi gettati via. La Victoria Libertas si dichiara soddisfatta e con un comunicato diffuso venerdì sera informa che: “Alle ore 12 di giovedì si e’ ufficialmente chiusa la campagna abbonamenti alla Scavolini Siviglia per la stagione sportiva 2011-2012. Le tessere sottoscritte sono state 4.123 per un incasso di 506.532 Euro. “Siamo soddisfatti del risultato ottenuto – dichiara il presidente Franco Del Moro -. La scelta di proseguire la campagna dopo il successo ottenuto a Cantù si è rivelata positiva, tanto che il numero degli abbonamenti sottoscritti fra mercoledì e giovedì scorsi e’ risultato pari a 156. La società ringrazia i 4.123 abbonati che, vecchi e nuovi, hanno dimostrato fedeltà, sensibilità e un nuovo entusiasmo nei confronti della Vuelle”. Contenta la società, contenti tutti… Mazzon ricorda Alphonso Speriamo non sia contento coach Andrea Mazzon, che rispetta Pesaro ma arriva per conquistare due punti. “La Scavolini è una squadra che ha grande qualità, ha meritato l’appellativo di “ammazza-grandi” però vogliamo continuare sulla nostra strada. Vogliamo andare oltre i nostri limiti. Sappiamo che non si va in un campo semplice ma abbiamo anche grandi stimoli contro una delle squadre che ha fatto la storia del basket recente.Gli addetti ai lavori parlano di Pesaro a ragione come una delle prime sei forze del campionato. E’ una squadra di un livello altissimo. Stanno giocando bene e con grande spirito. E proprio come spirito sono abbastanza simili a noi nel senso che lottano e non mollano mai. Se penso a Pesaro però non posso non associarla anche ad un ricordo triste: all’ultima partita di Alphonso Ford. Io allenavo Napoli e venimmo eliminati in gara-5 dei quarti di finale dei playoff a Pesaro playoff e lui fu decisivo. Pochi mesi dopo morì di leucemia. Per quanto ci riguarda riprendo una frase dei tifosi “la Reyer non la puoi battere, al massimo puoi fare qualche canestro in più” e credo che questo dovrebbe accomunare tutti dalle prime squadre al settore giovanile orogranata. Ogni giorno per noi è una prova nuova: con una settimana in più siamo migliorati nella condizione per alcuni giocatori. Non ci possono ancora essere dei miglioramenti enormi, ma a livello di conoscenza reciproca sì”.

L’ufficio statistiche della Legabasket informa che la sfida tra Victoria Libertas Pesaro e Reyer Venezia vede in vantaggio i biancorossi 35 a 28, addirittura 26 a 5 nelle gare disputate a Pesaro, che ha vinto le ultime 11 gare casalinghe (ultima vittoria Venezia in trasferta 8 ottobre 1975: Scavolini-Canon 62-82). 61 anni fa la prima sfida Pesaro-Venezia: il 5/11/1950 Victoria-Reyer 32-37. Dalmonte-Mazzon 2-1. Dalmonte-Venezia 0-1. Mazzon-Pesaro 11-6. Sempre in doppia cifra Szymon Szewczyk nei 4 precedenti contro Pesaro (3 vinti).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>