La Scavolini ritrova Ortolani e pensa alla coppa

di 

14 novembre 2011

Scavolini Pesaro-Busto Arsizio, Serena Ortolani

Serena Ortolani con la maglia della Scavolini (foto Marco Giardini)

di Luciano Murgia

PESARO – Anche il sindaco Ceriscioli, l’assessore provinciale allo Sport Seri e quello comunale Belloni hanno partecipato alla presentazione della Champions League di volley femminile che dal 30 novembre vedrà impegnate le colibrì allenate da Paolo Tofoli. Ad ospitare l’appuntamento una bella sala dell’Hotel Flaminio, rappresentato dal direttore Roberto Corbin, entusiasta di questo connubio.

A fare gli onori di casa il presidente Giancarlo Sorbini, l’allenatore Tofoli e Serena Ortolani, sicuramente la giocatrice più esperta di una squadra giovane. Serena, reduce dall’infortunio in nazionale che le ha impedito di disputare la World Cup, è rientrata in città e martedì riprenderà ad allenarsi con le compagne. Lei – che di Coppe dei Campioni ne ha vinte tre – spiegherà alle altre colibrì come farsi largo in Europa.

Ora, è vero che la Scavolini Volley ha iniziato la stagione abbastanza male, con tre sconfitte in altrettante gare che hanno fatto sbottare – a nostro parere decisamente a torto – Valter Scavolini, sponsor storico delle tre volte campionesse d’Italia. Intervistato da Beatrice Terenzi per il Resto del Carlino, Valter Scavolini ha minacciato di non proseguire la collaborazione se la squadra non tornerà a vincere. Ora è vero che la Scavolini – intesa come azienda – è una grande amica dello sport pesarese e del volley femminile, ma nello sport due più due non fa mai quattro. Bastasse pagare, vincerebbe sempre chi spende di più. Non è così, per fortuna aggiungiamo. E non dimentichiamo, appunto, che la Scavolini ha vinto tre scudetti consecutivi e che lo scorso anno, prima del deprecabile “caso Hooker”, era prima in campionato e qualificata alle Final Four di Champions League.

Tempo al tempo, dunque, ed è bello che a dare un’iniezione di fiducia alla società, al tecnico e alla squadra, rappresentata appunto da Serena Ortolani, siano stati il sindaco Ceriscioli e l’assessore Seri.

Commentando l’ennesima partecipazione alla Champions League della squadra pesarese, l’assessore Seri, che lo sport lo pratica e quindi è più vicino alle fatiche degli atleti, ha sottolineato che “l’evento sportivo dà lustro alla società, alla squadra, ma anche al territorio. Un aspetto che dobbiamo sempre tenere a mente. Ma non sono qui solo per la presentazione. Mi preme esprimere fiducia e sostegno alla Robur, al suo lungimirante presidente”.

Con il sorriso sulle labbra, anche il sindaco ha esternato la convinzione che la Scavolini si riprenderà presto, prestissimo. “Nello sport è meglio evitare gli auguri, ma da tifoso sostengo che la squadra vincerà. L’inizio è stato fuorviante, ma anche per gli avversari, che si illuderanno di trovare una squadra in disarmo e saranno sorpresi”.

Il presidente Sorbini ha ricordato come la società senta la vicinanza delle istituzioni, la loro considerazione. E ha citato l’ultimo incontro, quello sulla presentazione del sistema di riscaldamento del PalaCampanara.

Tofoli non si è tirato indietro nell’analizzare il difficile avvio di stagione della sua squadra, ma ha ricordato le oggettive difficoltà in cui si è trovata causa le diverse assenze. Il coach fanese si è riallacciato alla precedente stagione, quando la squadra si è trovata a fare i conti con le vicissitudini legate alla fuga della Hooker. “Eppure sembrava impossibile superare la Dynamo Mosca, che allineava quattro campionesse del mondo e le azzurre Costagrande e Ortolani. Superata Mosca, i pronostici ci assegnavano una facile vittoria contro il Volero Zurigo, ed invece abbiamo dovuto soffrire fino all’ultima palla”.

Anche quest’anno la Scavolini è inserita nello stesso girone della Dynamo Mosca, che ha perso le due italiane ma si annuncia squadra tosta. “Come le altre due, le polacche del Bank Bps Fakro Muszyna e le serbe della Crvena Zvezda”.

Il sindaco Ceriscioli, ricordando la splendida vittoria della passata stagione sulle fortissime russe, ha espresso “la soddisfazione di una piccola città che si confronta con un metropoli come Mosca. Memore di quanto avete fatto in passato, ho fiducia che saprete ripetervi”.

L’ottimismo fa bene, aiuta. “Ho ascoltato con piacere le parole di Tofoli e Ortolani” ha aggiunto l’assessore Seri.

Tre vittorie con Bergamo non le bastano, Serena vorrebbe vincere anche con Pesaro: “Confido di mettere a disposizione delle mie compagna l’esperienza maturata in passato. Le responsabilità m piacciono, ma preferisco crescere passo dopo passo…”.

Hai trovato la squadra giusta” esclama Sorbini. La risata è generale.

Sono felice di tornare ad allenarmi con le altre ragazze”. Al lavoro, quindi, senza Brinker e De Gennaro, a Tokio con le rispettive nazionali, ma con Ferretti e Okuniewska, alle quali Tofoli aveva concesso qualche giorno di riposo.

Per rientrare in clima campionato, la Scavolini disputerà due amichevoli: mercoledì con Loreto, venerdì con Modena. Poi sarà Pesaro contro Urbino.

La prevendita per il derby della provincia, per la sfida tra Scavolini Pesaro e Chateau d’Ax Urbino di martedì 22 novembre, alle ore 20,30, al PalaCampanara, è in programma domenica mattina, dalle ore 10,30 alle 12,30, e lunedì, dalle ore 10,30 alle 12,30 e dalle 18 alle 20, nel vecchio palazzo dello sport di Viale dei Partigiani.

 

LE DATE DELLA CHAMPIONS LEAGUE

Mercoledì 30 novembre: Muszyna-Crvena Zvezda
Giovedì 1 dicembre: Scavolini-Dynamo, ore 20,30

Mercoledì 7: Crvena Zvezda Belgrado-Scavolini ore 18
Giovedì 8: Dynamo-Muszyna

Mercoledì 14: Dynamo-Crvena Zvezda
Giovedì 15: Scavolini-Muszyna ore 20,30

Mercoledì 21: Crvena Zvezda-Dynamo
Mercoledì 21: Muszyna-Scavolini ore 20,30

Mercoledì 11 gennaio: Muszyna-Dynano
Giovedì 12: Scavolini-Crvena Zvezda ore 20,30

Martedì 17: Crvena Zvezda-Muszyna
Martedì 17: Dynamo-Scavolini ore 19

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>