Corsi e ricorsi storici: il Fano a Perugia 19 anni dopo

di 

19 novembre 2011

Fano-Ebolitiana, Gabriele Baldassarri

Gabriele Baldassarri (foto Marco Giardini)

FANO – Fano e Perugia: due città, due colori, due fedi calcistiche. Due modi differenti di vedere il calcio. Due storie diverse, ma che dopo tante vicissitudini e tanti anni passati l’una distante dall’altra si trovano ora faccia a faccia.

Quella di domani al Renato Curi sarà una sfida particolare e diversa dalle altre. Se vogliamo, emozionante. In cui veramente il gol per un giocatore o una parata per un portiere valgono doppio, o forse molto di più. A raddoppiare l’attesa ci ha pensato una settimana intera di passione, in cui già dal lunedì la tensione ha comincia a bussare, e con il passare dei giorni si è sempre fatta sempre più insistente.

Domani a Perugia l’Alma tornerà a giocare una gara di campionato dopo ben 19 anni dall’ultima sfida del 24 maggio del 1992. La memoria in questo caso non ci aiuta, dato che in quell’occasione i granata di Ciaschini persero 1-0 e successivamente furono condannati alla retrocessione in C2.

A questo incontro però l’Alma ci arriva sicuramente più motivata e più grintosa grazie alla vittoria tutto cuore di mercoledì contro la Vibonese. Quindi più tranquilla, e con meno pressioni addosso. Il Perugia invece è costretto alla vittoria e lo chiedono pure i suoi tifosi in relazione anche al pareggio con il Milazzo nel turno infrasettimanale di mercoledì. Baldassarri anche domani sarà costretto a far la formazione con i medici granata visti i numerosi indisponibili. Oltre a Zebi ed Antonioli, il tecnico dovrà fare i conti con l’assenza di Misin che mercoledì nella fase di riscaldamento ha accusato il solito problema al flessore, ma potrà piuttosto fare affidamento su Noviello che sta migliorando fisicamente e che mercoledì entrando, ha potuto mettere minuti nelle gambe.

Una sfida inedita, tutta da giocare, ma specialmente tutta da vivere. Ad agosto in coppa Italia ad aggiudicarsi la posta furono gli umbri. Ma quella è un’altra storia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>