“Cittadinanza onoraria? Diamola ai marchigiani passati in Romagna”

di 

25 novembre 2011

Amerigo Varotti

Il direttore di Confcommercio Amerigo Varotti

di Amerigo Varotti*

PESARO – Ho letto con attenzione la proposta del presidente della Provincia Matteo Ricci che, a seguito dell’appello del Presidente Napolitano, propone di concedere la cittadinanza onoraria “simbolica” ai figli degli stranieri nati in questa provincia. La proposta merita un approfondimento anche come sollecitazione al Parlamento di occuparsi di una questione che è già stata risolta positivamente nelle principali democrazie del mondo.

Ma altrettanto provocatoriamente lancio io una proposta al presidente Ricci: perché non proporre la cittadinanza onoraria della Provincia di Pesaro e Urbino a quei cittadini italiani nati o vissuti tanti anni nella provincia e che ora si trovano forzatamente (certo in virtù di una legge sconsiderata dello Stato) residenti in Emilia Romagna, in provincia di Rimini?

Ci sono tanti cittadini dell’Alta Val Marecchia, a cominciare dal sottoscritto, che – pur dovendo prendere atto della nuova configurazione amministrativa – si sentono marchigiani ed apprezzerebbero un tale gesto “simbolico”.

*Direttore Confcommercio Pesaro e Urbino

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>