Sciopero dei lavoratori delle aziende private del settore igiene ambientale

di 

28 novembre 2011

Domani astensione dal lavoro per l’intera giornata dei dipendenti della ditta Sangalli. Alle 11 assemblea a Marche Multiservizi. Protestano per chiedere la tutela dei salari dall’inflazione e il contratto unico

 

Lavoratori Sangalli

I lavoratori della Sangalli

PESARO – Domani, martedì 29 novembre è stato proclamato uno sciopero, per l’intera giornata, dei lavoratori dell’igiene ambientale delle aziende private. A Pesaro si fermeranno i dipendenti della ditta Sangalli, l’azienda che per conto di Marche Multiservizi svolge le raccolte differenziate, quelle di prossimità e la pulizia manuale. Le ragioni dei lavoratori sono legate al mancato rinnovo del contratto scaduto da oltre un anno e alla tutela dei salari colpiti dall’inflazione.

Oltre a questi motivi, rivendicano l’introduzione di un contratto unico di settore quale strumento indispensabile per regolare la liberalizzazione del comparto igiene ambientale. Un unico contratto di lavoro in grado di migliorare le condizioni di chi lavora, valorizzare la qualità e contribuire a selezionare le imprese migliori, per fornire ai cittadini un ambiente sostenibile a tariffe altrettanto “sostenibili”.

Con questa mobilitazione si vuole contrastare anche il pregiudizio sulle aziende private del settore dell’igiene ambientale ritenute senza qualità e senza diritti certi per chi ci lavora. In realtà questo sciopero vuole ancora una volta ricordare agli enti locali che è nel loro interesse avere costi contrattuali certi nel momento in cui i servizi verranno messi a gara per favorire le imprese migliori a scapito di quelle che fanno concorrenza sleale utilizzando contratti pirata e non applicando le norme sulla sicurezza. Elementi sostanziali di un terreno fertile per il fiorire del malaffare.

Alle 11 i lavoratori di Marche Multiservizi si riuniranno in assemblea alla quale parteciperanno anche i rappresentanti sindacali della Sangalli per discutere delle ragioni dello sciopero. La protesta dei lavoratori della Sangalli è strettamente legata alla multiutility perché la liberalizzazione del settore è ormai prossima e la battaglia per il contratto unico riguarda tutti i lavoratori, sia di aziende pubbliche sia di aziende private.

Durante lo sciopero, saranno comunque garantiti i servizi minimi come previsto dalla legge.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>