“Abolizione vitalizi: a Roma fanno quello che La tua Fano propone da mesi”

di 

2 dicembre 2011

Mattioli Giacomo

Giacomo Mattioli

FANO – “Apprendiamo con piacere la notizia che i Presidenti di Camera e Senato, insieme al neo Ministro del Welfare Fornero, stanno predisponendo l’eliminazione dei vitalizi per i Parlamentari – scrive Giacomo Mattioli, capogruppo de La tua Fano –  passando finalmente ad un sistema di tipo contributivo con conseguimento della pensione non più a partire da 50 anni ma da 60 o 65 anni in funzione del numero di legislature in cui si è stati eletti.

A tale proposito ricordiamo che già nel giugno scorso il Consiglio Comunale di Fano aveva approvato un Ordine del Giorno sull’abolizione dei vitalizi di Parlamentari e Consiglieri Regionali presentato dalla Lista Civica “La Tua Fano”. Quel documento richiedeva proprio di rivedere il sistema previdenziale di Parlamentari e Consiglieri Regionali in modo che i loro contributi venissero semplicemente sommati a tutti quelli maturati prima o dopo il mandato elettivo senza costituire vitalizi autonomi, senza avere carattere di reversibilità, e percepibili solo dopo i 65 anni.

Una soluzione di buon senso, equa e soprattutto rispettosa del principio di solidarietà invocato sempre dalla politica (ma solo per gli altri), che elimina le distorsioni di un sistema votato al privilegio della sola “casta”, non più accettabile nell’attuale contesto sociale.

Non siamo così presuntuosi da pensare che siamo stati noi a stimolare la proposta governativa, ma il solo proposito di aver portato in discussione l’argomento in Consiglio Comunale fa onore alla nostra Lista Civica, caratterizzandola come movimento di cittadini al servizio della comunità.

Ogni tentativo di bloccare questo provvedimento va osteggiato e stigmatizzato, perché chi chiede sacrifici ai cittadini deve essere il primo a dare l’esempio: la gente non accetta più la politica fatta con la “pancia”, e solo facendola con la “testa” si riesce a non cadere nei tranelli dell’antipolitica.

Non servono salti mortali per ridare fiducia al Paese: sono sufficienti serietà, correttezza e competenza e sembra che finalmente si stia iniziando a percorrere la strada giusta; e su questa strada devono ritrovarsi gli Amministratori di ogni ordine e grado. Ovviamente noi compresi, per attuare questo modello anche nella nostra città”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>