Martinelli suona la carica dopo Civitavecchia

di 

14 dicembre 2011

l'estremo Marco Martinelli

L'estremo Marco Martinelli

PESARO Torna il sorriso sui visi dei giocatori della Pierantoni Pesaro Rugby. Le due vittorie consecutive della truppa giallorossa, contro Colorno e Civitavecchia, se da un lato non hanno dato alla squadra la certezza della salvezza, dall’altro gli ha quantomeno dato la consapevolezza di avere tutto quanto il necessario per potersela giocare. «Nelle ultime quattro partite, al di là delle vittorie o delle sconfitte, abbiamo sempre giocato un buon rugby – sottolinea l’estremo pesarese Marco Martinelli, senza dubbio uno dei protagonisti della squadra – Con Colorno siamo stati aiutati da qualche episodio favorevole, con Civitavecchia ci siamo fatti un po’ ingabbiare dal loro gioco, ma alla fine abbiamo portato a casa una meritata vittoria».

Quale il segreto di questa rinascita? «Senza dubbio la mischia sta facendo un ottimo lavoro. Ha tenuto testa a quella del Colorno e contro Civitavecchia non ha avuto problemi. Oltre a questo abbiamo davvero una buona tenuta fisica grazie al lavoro fatto assieme al preparatore D’Amen».
Quale il merito degli ultimi arrivati? «Chi è arrivato in mischia si sta facendo davvero sentire, come Luigi Ricci e Davide Palma, nonostante abbia giocato una sola partita. A loro si aggiunga l’importante rientro di Beldowski e Sanchioni. Per quanto riguarda i trequarti Ayala ci sta dando ordine, anche in allenamento, e in più c’è da sottolineare l’ottimo ritorno di Tarini».
Domenica a Civitavecchia ha giocato l’intera partita il giovane Maid Sabanovich, che fa parte dell’Accademia federale di Roma. Anche tu esordisti molto giovane in prima squadra. Quali consigli dargli? «A Civitavecchia ha giocato una buona gara in difesa, mentre in attacco ha avuto pochi palloni, senza mai perderne. Di certo è fortunato ad avere la possibilità di allenarsi ogni settimana in Accademia per poi allenarsi il venerdì sera con noi. Deve continuare con questa serietà e mantenere la concentrazione per tutti gli 80 minuti. Sono certo che ci tornerà davvero utile».
Domenica altro scontro salvezza a Pesaro contro Arezzo. Credi che da qui in avanti potrete giocarvela davvero con tutte? «Gran parte delle possibilità di salvezza passano per la partita di domenica, per poi cercare di fare più punti possibile nel girone di ritorno contro le dirette avversarie. Di certo comunque in casa nostra daremo del filo da torcere a chiunque. Oltre a questo non possiamo che crescere e migliorare dato che siamo al completo da poco».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>