Atti vandalici alla Demolizioni Metauro: denunciati sette studenti del luogo

di 

15 dicembre 2011

Restituita a un 35enne un’Audi A6 venduta tramite internet, pagata con un assegno rubato

 

Carabinieri 10

Carabinieri in azione

URBANIA – Beccati i “demolitori” del Metauro. I carabinieri della stazione di Urbania, a conclusione di mirata attività d’indagine, sarebbero risaliti agli autori di un atto vandalico posto in essere ai danni della ditta “Demolizioni Metauro”, deferendo in stato di libertà sette studenti del luogo.

I giovani sono accusati di essersi introdotti, nello scorso mese di ottobre, nell’area recintata di pertinenza della ditta, forzando la rete metallica e danneggiando i vetri delle cabine di tre mezzi parcheggiati nel piazzale (un escavatore e due pale meccaniche).

L’attività investigativa condotta dai carabinieri di Urbania, consistita in assunzione di informazioni, servizi di osservazione ed appostamenti, ha permesso di risalire ai giovani, tutti incensurati.

 

L’ACQUIRENTE-TRUFFATORE

Sempre personale della stazione casteldurantina ha denunciato un 24enne già noto alla giustizia, pugliese originario di San Severo di Foggia. Il ragazzo, dopo aver concordato un incontro con un 35enne di Urbania che aveva messo in vendita la propria Audi A6 con un annuncio su un sito internet, con artifizi e raggiri avrebbe pagato il mezzo con un assegno da 33.000 euro risultato poi essere oggetto di furto.

Allertati tempestivamente dal ragazzo truffato, i militari di Urbania, avviate sin da subito le ricerche, in collaborazione con personale della polizia di frontiera marittima di Brindisi, hanno rintracciato il 24enne il giorno seguente, a bordo del veicolo, sottoponendolo a sequestro per la successiva restituzione al proprietario. Il giovane è stato quindi deferito per truffa e ricettazione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>