La “snupetta” Cecato: “Vogliamo chiudere in bellezza”

di 

17 dicembre 2011

Giulia Cecato

La "snupetta" Giulia Cecato (foto Danilo Billi)

PESARO – Se il suo presidente ha dichiarato di non guardare troppo alla classifica, Giulia Cecato, palleggiatrice della B1 dello Snoopy, ci pensa eccome. E non nasconde l’entusiasmo e la soddisfazione per i buoni risultati ottenuti dalla sua squadra fino adesso.

Dopo nove giornate siete quinte in classifica, a ridosso della zona playoff. Il vostro obbiettivo resta ancora la salvezza?
Finora abbiamo dimostrato che se restiamo concentrate e facciamo il nostro gioco, non ci manca niente. E visti i risultati direi che la salvezza ora come ora ci sta stretta”.

In queste otto partite avete alternato prestazioni esaltanti ad altre meno convincenti.
Siamo una squadra giovane e gli alti e bassi ci stanno. Dobbiamo imparare a gestire meglio certe situazioni, ma da inizio stagione siamo migliorate molto anche sotto questo aspetto. Siamo sempre più squadra e questo ci permette di restare unite anche nei momenti di difficoltà”.

Come la passata stagione, avete avuto un avvio inaspettato. Vedi analogie tra le questa squadra e quella che ha conquistato la promozione lo scorso anno
Questa stagione sarà difficile ripetere l’impresa di qualche mese fa. Il girone è molto equilibrato – a parte l’Emmegi Marsala che forse è un gradino sopra tutte – e molte squadre hanno giocatrici molto più esperte di noi”.

Contro Vernotico però non avete patito la maggior esperienza delle avversarie…
Abbiamo compensato con una maggiore “tigna”. Gli errori da parte nostra non sono mancati, ma abbiamo avuto più voglia di loro di fare punto, siamo state più squadra e questo ha fatto la differenza”.

Molti si complimentano con il vostro gioco, perché molto veloce e fatto di continui schemi e incroci. Ti inorgoglisce questa cosa?
Mi fa sicuramente piacere, ma il nostro gioco è così non per merito mio ma per le caratteristiche delle nostre attaccanti. Con palla alta faticheremmo troppo”.

Finora hai sempre giocato, ti senti un po’ il leader di questa squadra?
Stare sempre in campo mi responsabilizza molto, ma non mi sento certo un leader. Quando gioco cerco sempre di dare il massimo e trascinare le mie compagne, ma è una cosa che fanno tutte. Ci aiutiamo a vicenda ed è questo forse che ci rende ancora più forti. Poi è ovvio che il mio ruolo è centrale nella squadra, ma non sento pressione. Vivo le partite con molta tranquillità e quando sono in difficoltà chiedo consigli al mio allenatore Stefano Gambelli. In questo modo scarico un po’ di responsabilità”.

Sabato prossimo (oggi, ndr) ultimo impegno in campionato prima della sosta natalizia, contro Casette D’ Ete, terza in classifica a 17 punti…
Sappiamo che sono una squadra molto forte, già l’anno scorso hanno fatto i playoff, ma noi ce la metteremo tutta per chiudere in bellezza”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>