Ospedale unico, il no di Di Domenico a Fosso Sejore

di 

17 dicembre 2011

PESARO – Dal consigliere comunale Alessandro Di Domenico riceviamo, e pubblichiamo, il seguente comunicato inerente l’ospedale unico di Fosso Sejore benedetta da sindaco e presidente della Provincia:

 

Alessandro Di Domenico

Il consigliere Pdl Alessandro Di Domenico

Era già scritta la scelta di Fosso Sejore come sede per il nuovo ospedale unico. Ieri, con la formalizzazione, non si è fatto altro che suggellare una scelta risibile e una gestione politica di tutta l’operazione, a dir poco, da principianti.

Il presidente Matteo Ricci aveva già affermato che questa scelta è stato il miglior “compromesso politico ottenibile” e non la scelta più giusta.

Ad avallare questa tesi è la dichiarazione dello stesso Ricci in Camera di Commercio, con decine di testimoni, per la quale emerge che per rendere fruibile quest’area in modo idoneo, i costi per la rete viaria sarebbero ancor più alti del costo di tutto il nuovo ospedale. Ogni commento è superfluo.

Basti solo dire che tra tutti i siti individuati, quello di Fosso Sejore è quello in cui i terreni non sono di proprietà pubblica, ma esclusivamente privata.

Ed allora mi chiedo qual è la motivazione che ha spinto a questa scelta se non solo quella di mettere d’accordo soli i sindaci di Pesaro e Fano.

I nostri amministratori hanno tentato anche di pulirsi la coscienza incaricando uno studio di fattibilità ed è emerso che la viabilità sul sito di Fosso Sejore è più agevole degli altri luoghi analizzati, anche in previsione di nuove arterie.

Anche questa valutazione è inopportuna e sconclusionata; sia Fosso Sejore che Muraglia sono i siti peggiori dal punto di vista della viabilità e della mobilità rispetto ai siti di Chiaruccia (Fano) o Villa Fastiggi (Pesaro), e – perché no – di Carignano.

Sono veramente allibito che il sindaco di Pesaro abbia firmato l’accordo. Sono convinto che, nella loro proverbiale strategia politica, ci sarà una sorpresa e che venga poi ripensata questa scelta senza mettere in imbarazzo nessuno (in sede di Vas, Valutazione ambientale strategica, potrebbero esserci clamorose sorprese), ma con la consapevolezza e la constatazione che la trasparenza politica rimarrà un miraggio“. Alessandro Di Domenico, consigliere comunale Pdl.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>