Nardelli (Pdl): “Ospedale, la Regione chiarisca la scelta di Fosso Sejore”

di 

21 dicembre 2011

di Massimiliano Nardelli*

PESARO – E’ indispensabile che l’Assessore regionale alla Sanità ed il dirigente preposto chiariscano al più presto quali sono stati i parametri tecnici e le loro valutazioni per indicare l’area di Fosso Sejore come quella più idonea per la realizzazione dell’ospedale unico che oggi appare come una decisione logica esclusivamente se considerata politica. Voglio evidenziare che è giunto il momento per la Regione, vista l’importanza che questa nuova struttura ospedaliera riveste per tutta la provincia, di fare chiarezza sui vari aspetti di questa vicenda.

In primis se vi sono realmente i finanziamenti o stiamo parlando dell’ennesimo bluff perpetrato dai nostri amministratori locali ai loro cittadini.

In secondo luogo, sapere quale sarà il destino di tutti gli ospedali esistenti nei vari centri dell’entroterra ovvero se verranno eliminati o rimarranno presidi di pronto intervento o se ancora verranno riconvertiti in specifiche strutture sanitarie per lungo degenti o acuti.

La soluzione di buon senso e forse anche la più economica sarebbe stata, in effetti, quella di Muraglia per una serie di ragioni.

Innanzitutto stiamo parlando di un sito dove era già stato fatto in passato proprio dalla Regione Marche uno studio di fattibilità per la costruzione di un nuovo ospedale ed il Comune di Pesaro aveva assecondato questa scelta prevedendo nel PRG quell’area ad edilizia ospedaliera mentre per Fosso Sejore sarà necessario acquisire i terreni da privati con conseguente esborso milionario.

In più, oggi ci dicono che anche se il nuovo ospedale unico sarà a Fosso Sejore, Muraglia rimarrà comunque sede distaccata del nuovo nosocomio con i padiglioni costruiti di recente per l’oncologia e la radioterapia con tutte le diseconomie che tale scelta comporterà in termini economici, logistici ed organizzativi. Quindi da una parte ci dicono che Fano e Pesaro si devono integrare per risparmiare e dall’altro si prende un decisione esattamente contraria a questo principio.

Vi è poi il discorso viabilità e quì entrambe le soluzioni non possono prescindere dal pacchetto completo di opere infrastrutturali collegate al nuovo casello Pesaro Sud di S.Veneranda che il Consiglio comunale di Pesaro ha richiesto a Società Autostrade ed ANAS comprensivo anche della circonvallazione di Muraglia.

Infine, vi è la considerazione che edificare Fosso Sejore significa togliere al settore turistico questo tratto di litorale con tutte le conseguenze in termini di economia del territorio che tale scelta comporterà per gli operatori economici della zona.

Ecco perchè la Regione deve chiarire i vari aspetti di questa vicenda e sopratutto i criteri tecnici seguiti e le valutazioni che hanno avuto i vari parametri della scelta di Fosso Sejore che comporterà una serie di gravi problematiche a cominciare dall’acquisizione dei terreni.

*Consigliere comunale PDL

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>