Fano-Grosseto, Ricci: «Il 2012 l’anno della svolta»

di 

22 dicembre 2011

Il presidente dopo la commissione tecnica: «Bene il vertice, gli incentivi fiscali sostituiscono la cattura di valore»

 
Matteo Ricci

Matteo Ricci

PESARO – «Il 2012 può davvero essere l’anno del definitivo decollo della Fano-Grosseto. A maggior ragione dopo le buone notizie di questa mattina». Per Matteo Ricci, le novità che arrivano da Roma, dove si è da poco concluso il vertice della commissione tecnica sulla E-78 (presente il dirigente dell’Ente Alberto Paccapelo, ndr), rappresentano a tutti gli effetti «passi avanti importanti». Ecco perché: «Alla riunione – sottolinea Ricci – hanno partecipato anche i rappresentati dell’Ati composta da Strabag, Astaldi e Cooperativa muratori e cementisti di Ravenna. E sono stati ufficializzati i pilastri su cui costruire il project financing, nell’ambito della proposta avanzata dall’associazione temporanea di imprese». Che sono tre: «In primis – continua il presidente – il pedaggio lungo la tratta. In secondo luogo,  il canone di locazione a carico dello Stato. Infine, la defiscalizzazione introdotta dal Governo sulle grandi opere, che sostituisce la cattura di valore sulle aree pubbliche». Proprio l’ultimo elemento, per Ricci, costituiva «l’anello debole della proposta». Ora la sua uscita di scena a vantaggio dell’introduzione degli incentivi fiscali rappresenta la novità più rilevante: «L’Ati incontrerà l’Anas entro i primi di gennaio, per presentare poi la proposta definitiva entro il prossimo mese di giugno». Il presidente dà altri dettagli: «Dopo le ultime modifiche del tracciato, il completamento dell’opera scende a 2 miliardi e 700 milioni, rispetto ai 4 miliardi in precedenza preventivati». Al quadro si aggiunge la società pubblica composta dalle 3 Regioni interessate, che, nota Ricci, «testimonia la determinazione e l’impegno dell’amministrazione regionale, Un elemento fondamentale per intercettare i fondi comunitari e raggiungere l’obiettivo finale». Conclusione: «Il prossimo anno può essere davvero quello della svolta per la E-78. Dal giorno della grande mobilitazione ad oggi sono state create le condizioni necessarie per completare l’opera. Ringraziamo per la serietà la commissione tecnica diretta da Barbara Marinali ed evidenziamo l’impegno e lo sforzo delle 3 Regioni. Da parte nostra, continueremo ad assicurare, come sempre fatto, il nostro contributo e la nostra collaborazione, continuando a premere per l’ultimazione dell’ infrastruttura». 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>