A Preci riecco la vera Flaminia. Imbriani: “Orgogliosa delle ragazze”

di 

23 dicembre 2011

Alessandra Imbriani

Alessandra Imbriani

FANO – Una sconfitta in casa della prima della classe può anche essere pronosticabile, ma dalla trasferta umbra di domenica scorsa in casa del Preci Campione d’Inverno la Asd Flaminia chiedeva di ritrovare se stessa dopo il brutto ko nel derby col Portos. Ebbene sotto questo punto di vista c’è massima soddisfazione da parte di Alessandra Imbriani che ritiene raggiunto l’obiettivo credibilità e fiducia.

Le ragazze sono state concentrate tornado sui livelli abituali cui mi avevano abituata – dice – Abbiamo subito due gol in pochi secondi dopo aver tenuto a lungo la gara in equlibrio: come mi aspettavo abbiamo pagato a caro prezzo il primo minimo errore. Nonostante tutto non ci siamo disunite e la rete di Silvia Tagliabracci ha tenuto la capolista in apprensione fino ai minuti finali“.

Perdere dispiace sempre – continua l’allenatrice delle biancazzurre – ma siamo orgogliose di quello che abbiamo fatto. Ognuna delle ragazze ha giocato benissimo e con l’atteggiamento giusto.

Di fronte avevamo una squadra fortissima e ricca di elementi di talento. Il Preci non è in testa per caso”.

Ora arriva la pausa, ma il lavoro continuerà e sarà focalizzato su un aspetto. “Ogni partita è una lotta fisica e psicologica – spiega la Imbriani – e alcune ragazze hanno pagato un calo di forma in quanto non abituate a questa intensità; la pausa ci servirà per recuperare questi elementi importanti e per prepararci al meglio alle battaglie che ci aspetteranno nei primi mesi del 2012. Ci faremo trovare pronte anche perchè la trasferta di Terni ha fatto capire che la Asd Flaminia c’è e quella col Portos è stata solo una domenica nera”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>