Sala scommesse abusiva e clienti minorenni, licenza sospesa

di 

29 dicembre 2011

video poker

FANO – A seguito di un controllo amministrativo operato il 20 dicembre scorso da personale del Comando della Polizia Municipale di Fano, il Questore di Pesaro e Urbino dr. Italo D’Angelo ha sospeso la licenza di una sala scommesse e VLT di Fano, gestita abusivamente da una persona priva di titolo ed al cui interno sono stati identificati dei minorenni; uno di questi è stato addirittura trovato seduto ad una delle postazioni delle c.d. “videolottery terminal”, gli apparecchi da gioco automatico di ultima generazione gestiti attraverso la rete dell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato (A.A.M.S.). Il titolare delle licenze questorili (una per la sala scommesse ed una per l’installazione delle VLT) è stato denunciato alla Procura della Repubblica per aver gestito la sala a mezzo di rappresentante non autorizzato e per aver consentito l’accesso e il gioco a dei minorenni e dalla segnalazione fatta dal predetto Comando è scaturito il provvedimento del Questore che ha bloccato l’attività della sala per 30 giorni. La legge vieta espressamente la possibilità, da parte di minorenni, di accedere a sale ove si svolgono scommesse e ove sono installati i suddetti apparecchi da gioco e preclude, alla stessa categoria di soggetti, ogni possibilità di effettuare giocate. Peraltro, l’attenzione del legislatore sul divieto di gioco da parte dei minori di anni 18 si è andata sempre più accentuando, anche con l’introduzione di recentissime norme, la cui applicazione compete ad A.A.M.S., che hanno notevolmente inasprito le sanzioni per i gestori che contravvengano a tale divieto. Per la stessa violazione, infatti, al titolare della sala è stato elevato da parte dell’A.A.M.S. un verbale di contestazione di illecito amministrativo che prevede una sanzione pecuniaria pari a circa settemila euro; al verbale seguiranno inoltre le ulteriori sanzioni accessorie previste dalla legge e che ricadono nella competenza dei Monopoli di Stato che si sostanziano in un’ulteriore sospensione dell’attività per un periodo da 10 a 30 giorni e la sospensione da uno a tre mesi dell’iscrizione nell’elenco dei gestori di giochi automatici.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>