Valter Scavolini soccorso da un Balusch

di 

7 gennaio 2012

Valter Scavolini

Valter Scavolini con la maglia della Robursport (foto Danilo Billi tratta da solovolley.it)

PESARO – Tutta la città, ma non solo, si sta stringendo in queste ore attorno a Valter Scavolini e alla sua famiglia. Il famoso industriale è ricoverato da stamattina nell’ospedale San Salvatore, dove è stato trasportato da un’ambulanza del 118 il cui personale lo ha soccorso sulla strada provinciale 44 Panoramica San Bartolo, tra Casteldimezzo e Gabicce Monte.

Come anticipato in giornata, Valter Scavolini è rimasto vittima di un incidente stradale mentre – come d’abitudine – pedalava – in discesa – lungo i tornanti della panoramica.

Fra i primi soccorritori, anche Davide Terenzi, uno dei più conosciuti e apprezzati tifosi di volley, anzi uno dei “tre tenori” che intonano i cori per le ragazze della Scavolini.

Ero con un gruppo di amici, sei appassionati cicloamatori e ci stavamo dirigendo a Gabicce Monte. Chi era avanti ha notato un ciclista a terra, sul margine destro della carreggiata. Casco in testa e bene equipaggiato contro i rigori dell’inverno, il ciclista era finito sull’asfalto, facendo tutto da solo. Dalla curva dopo il rettilineo di Casteldimezzo, la strada ha almeno un paio di curve…

Inizialmente – racconta Davide Terenzi – non l’abbiamo riconosciuto, proprio perché era ben coperto… Io ho provveduto a fermare le auto che erano in transito, altri a chiedere soccorso. Erano le 10 passate, anche se non ho guardato l’orologio, ma eravamo partiti da circa un’ora e più e quindi il tempo – più o meno esatto – era quello“.

Conosco bene Valter Scavolini – prosegue Davide – perché seguo la Robur e mi capita di incontrarlo sulla Panoramica, dove a lui piace pedalare. Anche oggi, come altre volte, era solo. Pur dolorante per il colpo subìto nella caduta, Scavolini era vigile, ma ci ha detto di non riuscire a capire come fosse successo. Ha perso un po’ di sangue, perché nell’impatto contro l’asfalto si sono rotti gli occhiali e una stanghetta gli è entrata nella tempia. Per fortuna, è caduto verso destra, dove non c’è scarpata ma una mezza costa. Sarebbe stato peggio fosse finito a sinistra“.

Cosa è successo? Forse una distrazione, oppure la ruota è finita sul bianco della riga e ha perso aderenza. Ma l’asfalto non era bagnato. Conta, però, che Valter Scavolini avesse il casco in testa, altrimenti i guai sarebbero stati maggiori. Arrivata l’ambulanza, è stato preso in cura dai sanitari e noi ci siamo allontanati. Gli faccio tanti auguri”.

Anche il volley gli stava preparando gli auguri per il 70° compleanno. Una bella stampa a colori con un’immagine scattata a Perugia, subito dopo la vittoria del primo scudetto della pallavolo pesarese, nel 2008. Valter beve un sorso di spumante e sopra la camicia indossa una maglietta celebrativa ed esibisce la medaglia di campione d’Italia. E’ certo che oggi, al PalaCampanara, tutti i Balusch, non solo Davide Terenzi, gli faranno gli auguri di buon compleanno e soprattutto di pronta guarigione, anche se il recupero sarà lungo e doloroso, perché le costole fanno male e così lo schiacciamento della vertebra. Ma l’affetto che lo sta circondando in queste ore gli renderà meno pesante la convalescenza.

l.m.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>