Volley, la Scavolini è di nuovo in vetta. Arriva una nuova giocatrice

di 

12 gennaio 2012

SCAVOLINI PESARO – CRVENA ZVEZDA BELGRADO 3 – 0
SCAVOLINI PESARO: Ortolani 14 (battute 11, errori 3, ace 1. Attacchi 33, errori 2, muri subiti 2, 39%). Brinker 7 (battute 12. Ricezioni 16, errori 1, positiva 38%, eccellente 12%. Attacchi 19, errori 1, muri subiti 1, 37%), Klineman 16 (battute 10, errori 2, ace 1. Ricezioni 22, errori 2, positiva 27%, eccellente 18%. Attacchi 32, errori 3, muri subiti 2, 34%. Muri 4), Monica De Gennaro (L: ricezioni 19, errori 2, positiva 63%, eccellente 32%), Manzano 8 (battute 14, errori 2, ace 1. Attacchi 10, muri subiti 2, 20%. Muri 5), Ferretti 2 (battute 14, errori 1, ace 1. Attacchi 1, 100%), Okuniewska 8 (battute 9. Attacchi 12, 58%. Muri 1), Agostinetto ne, Saccomani 1 (battute 1. Ricezioni 1. Attacchi 2, errori 1, 50%), Musti De Gennaro ne, Ampudia (battute 2. Attacchi 1, muri subiti 1), Micheletti (ricezioni 2, positiva 100%, eccellente 50%). All. Pedullà
CRVENA ZVEZDA BELGRADO: Budrović (battute 2. Attacchi 2, muri subiti), Rakić 8 (battute 9, errori 1. Ricezioni 13, positiva 46%, eccellente 15%. Attacchi 24, errori 6, muri subiti 1 29%. Muri 1), Popović 9 (battute 11, ace 3. Ricezioni 1. Attacchi 11, muri subiti 1, 36%. Muri 2), Radulović (battute 8, errori 1), Pusić (L), Medarević ne, Bjelica 11 (battute 12, errori. Attacchi 38, errori 4, muri subiti 4, 29%), Kubura ne, Kecman 11 (battute 13, errori 2, ace 2. Ricezioni 31, errori 2, positiva 48%, eccellente 35%. Attacchi 26, errori 2, muri subiti 1, 31%. Muri 1), Valcić (L: Ricezioni 20, errori 2, positiva 30%, eccellente 10%), Stevanović 4 (battute 9. Attacchi 6, errori 2, muri subiti 2, 17%. Muri 3). All. Pavličević
ARBITRI: Godoy Alonso (Spagna) e Seifried (Slovenia)
STATISTICHE DI SQUADRA: SCAVOLINI: punti 56. Battute 73, errori 8, ace 4. Ricezioni 60, errori 5, positiva 43% , eccellente 22% . Attacchi 110, errori 7, muri subiti 7, 38% . Muri 10. CRVENA ZVEZDA: punti 43. Battute 64, errori 4, ace 5. Ricezioni 65, errori 4, positiva 42% , eccellente 23% . Attacchi 107, errori 14, muri subiti 10, 29% . Muri 7
NOTE: parziali 25-23 ; 25-17; 25-22 in 79 minuti. Spettatori circa 1.000.

 

Scavolini volley-Chieri 17 esultanza Scavolini volley 2

La Scavolini torna prima (foto Davide Gennari)

di Luciano Murgia

PESARO – Obbiettivo centrato. 3-0 alla Crvena Zvezda Belgrado e nuovo sorpasso in classifica. A decidere il girone E di Champions League sarà la sfida di Mosca. Per chiudere al primo posto, servirà un punto, e quindi vincere almeno 2 set. Non sarà facile, però, perché la Dinamo è migliorata decisamente rispetto alla squadra che fu travolta (3-0) al PalaCampanara.

Prima, però, la Scavolini andrà a Busto Arsizio – “contro una buona squadra che per prima o poi dovrà perdere punti” sottolinea Pedullà – e già subito dopo la partita si dovrebbe conoscere il nome di un nuovo acquisto, una giocatrice italiana di banda abile in ricezione. Al momento nessuna partenza: la società vorrebbe che Ampudia e Saccomani giocassero – in A2 – ma le ragazze non vorrebbero muoversi. Non resta che attendere….

 

PRIMO SET

Come da pronostico, in tutti i sensi. La Scavolini vince il parziale (25-23 in 29 minuti), ma le ragazzine serbe la fanno soffrire non poco, tanto che è Rakić a chudere il set mettendo fuori la palla del 24 pari. Brave, e bene organizzate, le allieve di coach Pavličević, ma le colibrì ci mettono molto di tasca propria con 4 errori al servizio e altrettanti in attacco, parzialmente bilanciati da un ace (Manzano) e 4 muri (2 della centrale veneta). Le due centrali producono 7 punti, a conferma che le colibrì variano il gioco. La Crvena Zvezda sorprende le pesaresi e mena le danze con la palleggiatrice Bojana Radulović – assistita da una buona ricezione (41% e 23% Pesaro, 45% e 30% Belgrado) – che cerca soprattutto Rakić (5) e Bjelica (3). La Stella Rossa è avanti sia al primo (7-8) sia al secondo (15-16) time-out tecnico. E conduce fino al 16-17. Poi, complice un efficace turno al servizio di Ferretti, la Scavolini recupera e sorpassa: 21-17. Il risultato è a elastico, le serbe accorciano, Pesaro allunga ancora (24-21), ma Ana Bjelica non è solo una grande promessa del volley continentale e realizza un punto stratosferico per il 24-23 interno. Rakić getta al vento l’attacco del pari. Klineman e Ortolani 5, Brinker 3. La percentuale offensiva è bassa (34%), la Crvena Zvezda fa peggio (26%).

 

SECONDO SET

Il parziale è a senso unico, le serbe accusano il colpo e vanno sotto (16-9). Pedullà dà spazio anche ad Ampudia (per Ortolani) e Saccomani (per Klineman). Ed è Saccomani a chiudere facilmente in 23 minuti, pur senza ace e con soli 3 muri. La ricezioneè calata ancora (38% e 19% Pesaro, 50% e 25% Belgrado). 7 i punti di Klineman.

 

TERZO SET

Le colibrì si distraggono, la partenza è negativa (3-8). Basta un buon momento, però, per tornare in parità a quota 9. La partita sembra scadere di tono, e le serbe tornano avanti di due punti (15-17). Un muro di Klineman ribalta il punteggio e manda Ortolani in battuta. La faentina è micidiale e le colibrì vanno sul 20-17 prima di un errore (palla oltre il fondo). Ma il trend è cambiato, Okuniewska produce due muri (22-18), Klineman trova un ace (23-18). Entra anche la giovanissima Giulia Micheletti (16 anni), la Scavolini guadagna il 24-19. L’orgoglio della Crvena Zvezda è grande (24-22), tanto che Pedullà deve fermare il gioco con un time-out discrezionale. Maren Brinker non si distrae e chiude la partita: 25-22.

 

La classifica del girone E: SCAVOLINI 12 (13-3) Mosca 10 (11-8), Muszyna 8 (9-9), Belgrado 0 (1-15).

Prossimo turno: martedì 17-1: Crvena Zvezda – Fakro Muszyna (ore 18); Dynamo Mosca – Scavolini..

Oggi era in programma solo un’altra partita: Girone D: Norda Foppapedretti Bergamo – Azerrail Baku 3-1 (25-23; 25-18; 22-25; 25-21). La classifica: Vakifbank Istanbul 11 (12-5), Azerrail Baku 10 (12-7), Bergamo 7 (9-10), Constanta 2 (3-12).

A una giornata dalla fine, diverse squadre sono già qualificate al turno successivo (* che ha vinto il proprio girone):

Girone A: Cannes (*), Eczacibasi Istanbul e Villa Cortese. Turche e italiane si giocano il secondo posto, ospitando rispettivamente Schweriner e Cannes.

Girone B: Fenerbahce Istanbul e Rabita Baku. Per il terzo posto lotta aperta tra le tedesche del Dresdner e le francesi di Mulhouse.

Girone C: Dynamo Kazan (*), Sopot – seconda – e Zurigo.
Girone D:

Grone E: SCAVOLINI, Dynamo e Muszyna.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>