Una nuova terapia per il Parkinson

di 

17 gennaio 2012

Primo trattamento al San Salvatore per una patologia che “solo in provincia di Pesaro e Urbino conta circa mille malati”

 

Marco Guidi

Marco Guidi, primario di Neurologia

PESARO – Una nuova tecnica per trattare il Parkinson sbarca a Marche Nord. Marco Guidi, primario della Neurologia, proprio questa mattina, martedì 17 gennaio, ha messo in pratica un’innovativa metodologia per il reparto pesarese su una paziente di circa 70 anni, residente nel sud delle Marche, affetta da Parkinson e con un quadro clinico oramai compromesso.

Assumeva farmaci per via orale in modo massiccio – spiega il primario Marco Guidiper ripristinare il corretto livello di dopamina, cioè la sostanza che manca in alcune aree del cervello ai pazienti affetti da questa patologia. Il trattamento per via orale, protratto nel tempo, le ha compromesso la qualità della vita causandole fluttuazioni motorie, movimenti involontari e blocchi motori dolorosi. In questi casi le soluzioni sono due: la stimolazione cerebrale mediante intervento di neurochirurgia o la somministrazione del principio attivo ‘levodopa’ attraverso il posizionamento di un sondino nel primo tratto dell’intestino tenue. Questo viene introdotto attraverso una Peg, ovvero un piccolo foro dello stomaco aperto all’esterno, e collegato ad una pompa che rilascerà gradualmente il farmaco. Si tratta di un intervento mini-invasivo che va riservato a pazienti selezionati con grave disabilità, dove altri tentativi sono falliti o non sono più efficaci”.

Ora questo trattamento, che nelle Marche viene effettuato all’Inrca di Ancona e in sintesi consiste nel posizionamento del sondino e nella somministrazione del farmaco attraverso una pompa, si allarga a Marche Nord. La prima paziente è stata trattata proprio questa mattina: “Al sondino, inserito dagli endoscopisti, abbiamo collegato una pompa che nell’arco delle 24 ore rilascerà il farmaco. Con questo trattamento le complicanze si ridurranno notevolmente. Un risultato importante in una Regione – conclude Guidi – che conta circa 4.000 malati di Parkinson, mille solo nella Provincia di Pesaro e Urbino”.

Il primario della Neurologia è particolarmente sensibile alle malattie degenerative. Dal suo arrivo a Pesaro lo scorso marzo dopo vent’anni all’Inrca, ha già attivato tre nuovi ambulatori al San Salvatore e al Santa Croce: uno dedicato proprio al Parkinson, l’altro alle demenze ed il terzo all’epilessia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>