Ai Musei Civici Capodaglio presenta le “Lettere non spedite” di Scorza

di 

19 gennaio 2012

 

 

PESARO – Sabato 21 gennaio, alle ore 17, nella sala del Novecento dei musei civici di Pesaro, il professor Enrico Capodaglio presenta il volume di Giancarlo Scorza Lettere non spedite (Archinto, Milano 2011), postfazione di Gualtiero De Santi. Alcuni brani del volume saranno letti da Lucia Ferrati. Ingresso libero fino a esaurimento dei posti. Info ai numeri 0721.387541 e 199.151123 (call center).

Giancarlo Scorza è nato a Pesaro nel 1922. Rimasto orfano di padre nel 1933 segue la famiglia dello zio materno prima a Firenze, dove studia pittura all’Accademia di Belle Arti sotto la guida di Felice Carena, poi a Trieste. Completa la sua preparazione artistica conseguendo nel 1950 il diploma in calcografia alla Scuola del Libro a Urbino. Nel 1945 è assunto come bibliotecario all’Oliveriana di Pesaro, lavoro che gli consente di nutrire il suo amore per la letteratura. In quel luogo silenzioso e magico, divenuto per lui nel corso delle anni quasi una seconda casa, si dedica con passione al suo lavoro di artista, pittore e incisore, e ai suoi studi per il resto della vita. Muore a Pesaro nel 1987.

La vasta e profonda cultura e la sua personalità eclettica si esprimono in una ricca e vasta produzione sia nel campo delle arti figurative (ha lasciato più di trecento incisioni e circa duecento quadri) che in quello letterario. Ha collaborato come traduttore, critico letterario e critico d’arte a “il Caffè” di Giambattista Vicari e numerose altre importanti riviste nazionali, ha pubblicato traduzioni (Christian Morgenstern, I canti della forca, 1959; Rainer Maria Rilke, Lettere al giovane poeta, 1962; Hans-Jürgen Heise, Poesie, 1967; Ernst Bloch, Dialettica e speranza, 1967), studi storici (Le opere e i giorni nella Cronaca della città di Pesaro di Domenico Bonamini, 1971, e Efemèride dell’anno 1860 nella Provincia Metaurense, 1974) e una raccolta di poesie (Stagione inutile, 1966).

Negli ultimi anni la critica ha riscoperto e riproposto attraverso mostre e studi monografici questo umanista del ventesimo secolo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>