Volley, trasferta amara per Urbino

di 

22 gennaio 2012


Chateau d'Ax Urbino-Villa Cortese, Jelena Blagojevic

Jelena Blagojevic. Foto Giardini

MC-CARNAGHI VILLA CORTESE – CHATEAU D’AX URBINO

3-1

(25-13; 23-25; 25-23; 25-21)


MC-CARNAGHI VILLA CORTESE: Bosetti L.14, Wilson 9, Pavan 24, Cruz 10, Guiggi 14, Berg 1, Carocci (L1). Puerari (L2). Pincerato 0, Bosetti C. 1, Perinelli 0. N.E. Barborkova. All. Abbondanza


CHATEAU D’AX URBINO: Skorupa 2, Tirozzi 8, Garzaro 6, Van Hecke 15, Blagojevic 14, Crisanti 6. MC Namee 0, Faucette 7. N.E. Djersilo, Devetag, Gentili. All. Salvagni


Note – Durata set: ’22, ’32, ’30, ’27. Durata totale 1h e 51 minuti.
MC-Carnaghi Villa Cortese: 3 muri, 6 ace, 10 battute sbagliate, 24 errori punto, ricezione 65%, perf 46%; attacco 42%.
Chateau D’Ax Urbino: 6 muri, 1 ace, 11 battute sbagliate, 25 errori punto, ricezione 52%, 36 perf. %. Attacco 38 %
ARBITRI: Pol – Bartolini
Spettatori: 1207


 

VILLA CORTESE – A mani vuote. Urbino torna a casa senza punti e con una sconfitta pesante. Nel primo set non ha funzionato nulla: il servizio di Villa Cortese fa male, il 25-13 finale la dice lunga. Le ragazze di Salvagni reagiscono nel secondo parziale: dopo un inizio equilibrato, il primo break è al secondo time out tecnico sul 12-16. Urbino riprende a sbagliare molto e la Mc-Carnaghi torna sotto sul 21-22. Dalla lotta punto a punto emergono le ducali: 23-25. Sull’onda ritrovata dell’entusiasmo Urbino va sull’8-4. La spinta si esaurisce presto, Urbino cala e il set scivola via nella parte sbagliata (25-23). Il sestetto di Abbondanza cerca di volare via (15-11) per chiudere la partita. Ne viene fuori una gara in discesa (21-14), Salvagni striglia le sue ragazze che però cedono 25-21.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>