Blocco dei Tir, Cna-Fita chiede rispetto per chi non aderisce

di 

25 gennaio 2012

Decine di autotrasportatori pesaresi  bloccati nelle aree di sosta in tutta Italia mentre continua il presidio di Fano. Invito a Prefettura e Forze dell’Ordine a  rispettare la sicurezza di chi lavora

 

Tir, CNA-FITA chiede il rispetto dei camionisti che non aderiscono al fermo

 

Disagi per cittadini, imprese ed esercizi commerciali della provincia

 

PESARO – Terzo giorno di protesta degli autotrasportatori. Anche se la situazione in provincia di Pesaro e Urbino può definirsi tranquilla, permangono gravi disagi per decine di autotrasportatori pesaresi bloccati in diverse aree di sosta italiane a causa dei presìdi istituiti dagli aderenti alla manifestazione di protesta. L’unico punto di mobilitazione della provincia è quello presente al casello autostradale di Fano dove una decina di autotrasportatori prosegue nell’azione di volantinaggio ed invita i colleghi ad aderire alla manifestazione.

La CNA-FITA ribadisce la propria contrarietà ad un blocco che, con il passare delle ore, evidenzia tutte le sue contraddizioni. “Dobbiamo conquistare nuove regole – dice il responsabile provinciale di CNA-FITA, Riccardo Battisti – senza prestare il fianco a strumentalizzazioni. Ci pare che in questo fermo vi sia invece una forte spinta ad esasperare il clima e tensioni nella categoria. In questi giorni abbiamo invitato tutti alla ragionevolezza e a rispettare il lavoro dei colleghi (la stragrande maggioranza della categoria), che ha deciso in piena coscienza e libertà di non aderire alla protesta. Per questo invitiamo la Prefettura e le Forze dell’Ordine a monitorare costantemente la situazione per evitare tensioni e garantire la libertà di circolazione a tutti quegli autotrasportatori che vogliono continuare a lavorare e non creare disagi alla popolazione e alle imprese. Imprese che, a causa di questa ingiustificata protesta, anche in provincia di Pesaro e Urbino stanno iniziando ad avere difficoltà. A causa dei mancati approvvigionamenti di materie prime e per i ritardi nelle consegne, sono decine e decine le attività artigianali e commerciali in provincia che stanno subendo dei danni. Qualcuno, come nel caso di imprese più strutturate, sarà costretto a sospendere la produzione e a mettere in cassa integrazione i propri dipendenti.

Qualcuno dovrà pur chiedere conto dei danni subìti anche per quegli autotrasportatori che, pur contrari alla protesta, per evitare problemi per la propria incolumità e dei propri mezzi è costretto a non partire e a perdere così giornate di lavoro. Mancati incassi non solo per la categoria ma – come detto – per le aziende, gli esercizi commerciali ed i cittadini già alle prese con una crisi durissima”.

“Per questo – conclude Battisti – invitiamo gli autotrasportatori aderenti al blocco di Fano a rispettare il lavoro dei colleghi e a non creare ulteriori disagi alla categoria a cittadini e imprese. Prosegue la nostra più totale collaborazione con la Prefettura e le Forze dell’Ordine per garantire la libera circolazione ed il rispetto della sicurezza”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>