Protesta sui binari, il Comune chiama i cittadini. E aderisce anche Confart

di 

25 gennaio 2012

Treni, taglio delle fermate a Pesaro. Il Comune invita i cittadini a partecipare al sit-in di protesta

 

Treno

Tutto pronto per la manifestazione del 26 gennaio sui binari della Stazione di Pesaro

PESARO – Anche il Comune di Pesaro tra i promotori della manifestazione di protesta contro il taglio  delle fermate  dei treni a Pesaro. Al sit-in in programma domani mattina alle ore 11 alla stazione ferroviaria, saranno presenti il sindaco Luca Ceriscioli e l’assessore alla Mobilità Andrea Biancani. “L’Amministrazione comunale di Pesaro promuove insieme ad altre istituzioni l’iniziativa di protesta per tutta una serie di motivi – spiega l’assessore alla Mobilità Andrea Biancani -. Pesaro è una città con un importante polo industriale e inoltre ha una spiccata vocazione turistica, non possiamo accettare altri tagli, ne abbiamo già subìti di pesanti per quanto riguarda il trasporto pubblico locale: – 5%. Adesso vorrebbero eliminare anche le fermate dei treni a lunga percorrenza, molto importanti per tutti, imprenditori, turisti, e pendolari. Non possiamo permetterlo. Invitiamo quindi i cittadini a partecipare al sit-in”.

Il Comune, per rimarcare il proprio dissenso riguardo alla decisione di Trenitalia, lo scorso 2 dicembre ha inviato una lettera al ministro dei Trasporti Corrado Passera, nella quale si chiedeva “un incontro urgente, per motivare ulteriormente l’esigenza del mantenimento dei collegamenti”, senza però ottenere risposta. “Oltre che al ministro abbiamo scritto anche ai presidenti di Ferrovie dello Stato e  Trenitalia, e al presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca – continua Biancani – ribadendo la necessità di un confronto aperto sulla questione, perché riteniamo questa decisione assolutamente inaccettabile.  Sarebbe un danno economico per tutta la nostra collettività, per cui ci siamo fatti promotori del sit-in”.

Nella lettera inviata al ministro, sindaco e assessore evidenziavano come la decisione di sopprimere le fermate dei treni a lunga percorrenza metterebbe “in seria difficoltà il sistema socio economico della città e la mobilità di carattere pendolare. Tali decisioni, assunte senza concertazione con le istituzioni dei territori interessati, porteranno serie conseguenze sul sistema di trasporto e sulla mobilità dei nostri cittadini; da un lato riflettendosi in maniera negativa sugli addetti al sistema imprenditoriale che hanno continui e frequenti rapporti con il sistema produttivo del centro-nord Italia, dall’altro determinando un forte disservizio per la mobilità pendolare”.

 

 

 

 

Adesione di Confartigianato alla manifestazione di giovedì 26 gennaio Contro la soppressione delle fermate dei treni.

 

La Confartigianato di Pesaro e Urbino aderisce alla manifestazione indetta per giovedì 26 gennaio alle ore 11 alla stazione di Pesaro per la soppressione delle fermate dei treni nelle Marche.

I convogli Freccia Bianca , infatti, con il nuovo orario, hanno soppresso le fermate dell’80% e gli Intercity hanno diminuito le corse nella fascia costiera non fermandosi più nella nostra regione.

Ridotti inoltre del 50% i collegamenti con Roma. Totalmente cancellate le tratte da Pergola a Fabriano, con gravi ripercussioni anche nelle parti interne della nostra regione.

“Si tratta di un evento molto grave per tutto il nostro settore –  ha dichiarato il Presidente di Confartigianato Learco Bastianelli – che vanta la presenza di botteghe artigiane dislocate in tutto il territorio della nostra provincia; l’artigianato e il suo indotto è da sempre collegato  con il turismo. Eliminare le fermate dei treni è un fatto gravissimo per tutto il nostro territorio che aveva già subito un grave contraccolpo anni fa con la chiusura dell’antica linea ferroviaria   Fano Urbino”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>