La minaccia della Cna: “Porteremo la protesta a Roma Termini”

di 

26 gennaio 2012

Conferenza di fine anno Cna

Giorgio Aguzzi e Camilla Fabbri

PESARO – “Se necessario porteremo la nostra protesta fino alla stazione ferroviaria di Roma Termini”. Contro la soppressione delle fermate dei treni a lunga percorrenza alla stazione di Pesaro, la Cna di Pesaro e Urbino è pronta alla mobilitazione.

Questa mattina intanto una folta delegazione dell’associazione ha partecipato alla prima manifestazione di protesta contro la soppressione di fermate di Eurostar, Freccia Bianca e Intercity indetta dalla Camera di Commercio alla Stazione di Pesaro. Imprenditori e funzionari dell’associazione hanno manifestato di fronte alla stazione di Pesaro assieme alle istituzioni e alle altre associazioni di categoria per esprimere tutto il disappunto contro le decisioni di Trenitalia e la soppressione delle fermate di treni importanti lungo la dorsale Adriatica che penalizzano alcune stazioni delle Marche ed in particolare quella di Pesaro.

Una adesione totale e convinta – ha detto il segretario provinciale della Cna Camilla Fabbri contro una politica di tagli che non porta a risparmi e razionalizzazioni vere per Trenitalia, ma solo ad una ingiustificata penalizzazione di un territorio. Una protesta ancor più totale e vibrante visto che molti imprenditori usano abitualmente il treno per lavoro hanno assistito impotenti come molti cittadini alla soppressione delle fermate alla stazione di Pesaro dei Freccia Bianca (ridotte dell’80%) e della forte riduzione delle soste degli Intercity“.

Inoltre – dice Giorgio Aguzzi, vicepresidente nazionale dell’associazione – non sono solo i collegamenti verso Roma e Milano ad essere penalizzati, ma anche quelli con le altre stazioni della regione a causa di una forte riduzione dei treni regionali che finiscono per penalizzare lavoratori e studenti pendolari”.

Non bastasse la crisi economica – aggiunge Camilla Fabbridobbiamo sopportare oltre che una assurda discriminazione sul fronte dei collegamenti anche ad una insopportabile delegittimazione dal punto di vista infrastrutturale e di sviluppo (i progetti dell’Alta velocità hanno tagliato fuori la dorsale Adriatica)“.

Se, come crediamo – concludono AguzziFabbrila nostra protesta rimarrà inascoltata dai vertici di Trenitalia, siamo pronti ad organizzare nei prossimi giorni una grande manifestazione nella capitale alla stazione di Roma Termini”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>