Volley B1, Bragaglia (Snoopy): “Vogliamo i playoff”

di 

3 febbraio 2012

Snoopy B1

Snoopy B1

PESARO – “Sono una che sta a mille dentro il campo”. Si potrebbe sintetizzare con questa semplice frase il Novella Bragaglia pensiero. L’opposto romano 22enne della Snoopy non ama certo le mezze misure. Una gran voglia di eccellere sin da piccola, quando faceva ginnastica artistica ed è arrivata alla finali nazionali. Poi ci ha pensato un suo professore alla medie a convincerla a giocare a pallavolo. Nel mezzo una parentesi da calciatrice: “ è stato solo per un anno, mio padre non era molto contento e anche io ho preferito dedicarmi al volley”. Braccio pesante, grinta da vendere e la battuta in romanaccio stretto sempre pronta. Queste le caratteristiche principali di Novella, che dopo solo 6 anni di pallavolo si è conquistata un posto da titolare in B1. L’esordio assoluto a Marciano, dopo aver disputato campionati di serie C e D a Roma: “A Roma non pensavo neanche di poter arrivare a giocare in serie B. Invece quando Marsciano mi ha chiamata ho subito avuto il posto da titolare. Ho un bellissimo ricordo di quell’anno”.

Quest’estate l’arrivo alla Snoopy.

“Cercavo una società che mi permettesse di lavorare sulla tecnica. Avendo iniziato a giocare a 15 anni mi mancavano un po’ di basi. Il mio procuratore mi ha parlato di questa realtà e ho voluto provare”

Come è stato il primo approccio con il Palasnoopy?

“Mi ha fatto subito una bella impressione. Con tutti quei peanuts sparsi qua e la… Mi sono sentita subito parte di una famiglia”.

Alla Snoopy eri l’unica ad aver disputato già un campionato di B1. Ti ha messo pressione?

“Sapevo e so di esser più indietro tecnicamente rispetto alle altre. Quindi nessuna pressione, ma solo uno stimolo in più a lavorare e a crescere. Il mio obbiettivo personale è provare a salire di categoria. A1 o A2 non lo so, ma lavorerò per ottenere il massimo”.

Al termine del girone di andata, siete ben oltre una semplice salvezza.

“L’obbiettivo salvezza ad essere sincera non ci è mai piaciuto. Dopo qualche gara tra di noi nello spogliatoio ne abbiamo parlato ed è venuto fuori che nessuna di noi puntava alla semplice permanenza in B1. Volevamo e vogliamo i play-off, sappiamo che non è facile ma stiamo lavorando sodo per raggiungere il nostro obbiettivo.

Le ultime due gare però non sono state molto positive.

 “A Filottrano è stata davvero una brutta partita. Siamo una squadra giovane e ancora abbiamo tanti alti e bassi. Contro Ancona invece forse abbiamo sbagliato l’approccio mentale. Il fatto che erano ultime in classifica ci ha lasciato un po’ troppo tranquille.”

Adesso vi aspetta una trasferta difficile, domenica a Bari.

 “Loro sono un punto dietro noi. Si sono rinforzate acquistando una schiacciatrice che prima giocava a Molfetta (squadra ritirata dal campionato) e nella ultime partite hanno risalito la classifica. Ma noi vogliamo i tre punti e daremo il massimo per conquistarli. Voglio vedere nella mie compagne la grinta e la voglia di fare bene”.

Qualche rito scaramantico particolare per propiziarti la vittoria?

“La solita telefonata pre-partita con la mia migliore amica. Lei mi da’ la carica”. Come se ce ne fosse ancora bisogno…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>