Emergenza neve, all’ospedale è un viavai continuo

di 

4 febbraio 2012

Al pronto soccorso di Pesaro e Fano aumentati i codici bianchi e verdi rispettivamente del 10% e del 15%. “Comunque situazione sotto controllo”

 

Neve e ghiaccio

PESARO – Polsi, caviglie, ginocchia e qualche spalla. Il pronto soccorso di Pesaro e quello di Fano hanno subito dovuto affrontare le prime vittime della neve. Scivolate e cadute sono la causa di diverse distorisioni che hanno generato un incremento degli accessi di circa il 10% al Santa Croce e il 15% al San Salvatore. Si è registrato un picco di attività a Pesaro intorno alle 13: quasi contemporaneamente venivano assistiti circa 30-40 persone. Nessun caso grave, solo piccoli traumi senza conseguenze importanti che hanno comunque richiesto, per alcuni casi, il ricorso ai raggi.

Entrambi i presidi di Marche Nord hanno comunque tempestivamente attivato il piano emergenza: più posti letto nel dipartimento medico e chirurgico, mobilitazione di maggiori risorse di personale medico e infermieristico, dell’attività di Radiologia e ambulanze allertate per accompagnare chi è in dimissione o per recuperare chi ha necessità di andare in ospedale come i pazienti in attesa di dialisi residenti nei comuni limitrofi più colpiti dal maltempo. Non solo: attivata la cucina per pasti caldi destinati a chi resta bloccato in ospedale e un’area dedicata al personale dipendente che non ha la possibilità di andare o tornare da casa.

Non è facile dare dei numeri precisi – spiegano i medici del pronto soccorso delle due città – Come ci aspettavamo, gli accessi sono aumentati rispetto alla normalità, ma si tratta di piccoli traumi”. “Andrà peggio nei prossimi giorni – incalza il dottor Titolo di Fano – quando la neve lascerà il posto al ghiaccio su strade e marciapiedi”.

Sia a Fano che a Pesaro si registrano solo codici bianchi e verdi e tutti corrispondono a piccoli traumi causati dalla neve. Si raccomanda la massima attenzione a chiunque fosse obbligato ad uscire di casa in questi giorni di tempo polare.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>