Scoperte officina abusiva e casa a luci rosse cinese a Pesaro

di 

10 febbraio 2012

Guardia di Finanza

PESARO – All’apparenza era un normale rivenditore di motocicli usati con annessa officina di riparazione e restauro, ma dalle indagini condotte dai militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Pesaro è emersa tutt’altra realtà.

Un pesarese cinquantenne aveva messo in piedi, nel capoluogo,  un’attività di ricerca, recupero, sistemazione e rivendita di motoveicoli usati, anche d’epoca opportunamente restaurati, ma aveva pensato bene di non dichiarare l’attività al Fisco. Infatti, non è stato in grado di esibire alcuna autorizzazione né i libri e registri contabili  obbligatori. Inoltre, è stato accertato che i motomezzi venivano anche venduti su un sito internet riconducibile allo stesso, ove erano catalogati accuratamente. Per non dare adito a dubbi e sospetti, sul predetto sito web era indicata una partita I.V.A. relativa ad altra ditta operante nel settore dei motori, ormai fallita.

All’atto dell’intervento, i militari, all’interno dell’officina, hanno constatato la presenza di numerose  motociclette – pronte  per la vendita ed altre in attesa di riparazione – attrezzatura professionale, pezzi di ricambio e numerosi utensili indispensabili per l’attività artigianale.

Per la citata attrezzatura e per i mezzi in questione sono scattati il sequestro amministrativo a carico del titolare  nonché una maximulta da 5.164,00 a 15.493,00 euro.

La posizione fiscale e contributiva del meccanico  è al vaglio degli operanti,  al fine di delineare l’esatto giro di affari, che una prima e sommaria stima fa ammontare a circa 20.000 euro al mese.

Durante lo svolgimento delle operazioni,  presso il laboratorio, l’attenzione dei finanzieri è stata attirata da un insolito movimento di persone, che entravano e uscivano da un’abitazione ubicata nelle adiacenze.

Insospettiti, gli stessi, accertato in breve tempo che la predetta abitazione  era locata ad una cittadina cinese, sulla quale pendevano precedenti per sfruttamento della prostituzione, sono prontamente entrati in azione, sorprendendo due giovanissime cinesi  nell’atto di prostituirsi con  due clienti.

Le indagini svolte nel prosieguo dell’attività  hanno consentito di scoprire un lucroso  e squallido giro di prostituzione, gestito in funzione di maîtresse  da una cittadina cinese cinquantenne (J.Y.), coniugata con un pesarese e da anni qui residente, che successivamente è stata tratta in arresto e associata presso le locali carceri, mercoledì scorso, in quanto colpita da ordinanza di custodia cautelare, per aver gestito una casa di appuntamenti ed aver sfruttato la prostituzione di sue concittadine, che venivano periodicamente  atturnate e verosimilmente coartate nell’esercizio della losca attività.

Nell’ambito delle perquisizioni eseguite, è stato rinvenuto  ingente denaro contante, numerose distinte di versamento presso istituti di credito cittadini per rilevanti importi, riconducibili al meretricio, e ricevute di distinte di versamento di denaro all’estero, nonché cellulari vari utilizzati per gli appuntamenti erotici,  computer portatili e appunti manoscritti in lingua cinese.

“Si sta, altresì, provvedendo a individuare – scrive in una nora la Guardia di Finanza, Comando provinciale di Pesaro e Urbino – il vasto giro di clientela, non escludendosi che dietro le quinte   possano aver agito personaggi criminali di più ampio spessore”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>