Il ghiaccio devasta due serre di un’azienda: 60mila euro di danni

di 

13 febbraio 2012

CANDELARA – Ha smesso di nevicare ma la soluzione è disagiata ovunque. Sulla costa ma soprattutto sulle colline adiacenti a Pesaro città, come a Candelara dove sono cadute piante a iosa.

Neve Candelara 36

Un'immagine di Candelara sommersa dalla neve

Delle tre serre di Stefano Massarini, che ha ereditato dalla madre un’attività di coltivazione e vendita piante che esiste da 51 anni, ne è rimasta solo una. “Quella più piccola – racconta dalla sua azienda di via delle Rimembranze, a due passi dalla Pieve di Santo Stefano – visto che quelle da 25 metri di lunghezza e 16 sono cadute al suolo. Nonostante avessi messo i puntelli e le croci come fanno i muratori“.

Colpa dell’abbondantissima nevicata, che con le temperature rigide si trasforma in ghiaccio ancora più pesante. “Siamo stati un giorno intero senza corrente elettrica – continua a raccontare Stefano Massarini – Ecco che i bruciatori, non funzionando, non hanno sciolto la neve con la conseguenza che due delle tre serre sono cadute. Il danno? Ingentissimo. Difficilmente quantificabile, anche se tra strutture e piante all’interno saremo nell’ordine dei 50-60.000 euro“.

Una storia tra tante a dimostrare un’emergenza senza precedenti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>