Giù il sipario su Futura Energy

di 

20 febbraio 2012

PESARO – Bilancio positivo per il meeting sulle fonti rinnovabili e la green economy. Domenica si sono chiusi i battenti di Futura Energy tenutasi alla Fiera di Pesaro. Un’edizione che, nonostante abbia scontato i gravi disagi del maltempo e uno spostamento di data, ha dimostrato come la green economy sia un motore pulsante della nostra economia e incontra l’interesse non solo degli addetti al settore ma anche del grande pubblico.

Futuraenergy ragazza in bicicletta

Con questa prima edizione di Futura Energy – commenta Mario Formica, presidente di Fiere delle Marche spa – siamo riusciti a costruire dei solidi presupposti per le edizioni che verranno. La nostra intenzione, fin dalle fasi di ideazione, era quella di creare una Fiera di grande qualità, di contenuti e di idee. Un luogo dove far incontrare non solo la domanda e l’offerta commerciale, ma anche le tendenze future, i protagonisti, le innovazioni. Un appuntamento dove si va per sapere cosa accadrà . Già da questa edizione possiamo ritenerci soddisfatti, abbiamo potuto contare sulla presenza di tutti i big del settore che hanno portato in Fiera i loro prodotti più innovativi, su convegni di altissimo livello con relatori fra i massimi esponenti del settore e sull’offerta di iniziative interessante. Anche la risposta del territorio è stata più che positiva e ci conforta a proseguire su questa strada. Quella della sostenibilità e della green economy è una sfida che siamo pronti a cogliere e a rilanciare: le Fiere delle Marche vogliono diventare in regione un punto di riferimento su questi temi ed è nostra intenzione orientare tutte le nostre manifestazioni in questa direzione“.

Futura Energy tornerà dunque il prossimo anno con l’obiettivo di riproporre un nuovo osservatorio per guardare al domani e alle nuove frontiere che si stanno raggiungendo e l’ambizione di diventare un appuntamento fisso per tutti gli operatori e un luogo di incontro con i più prestigiosi esperti del settore, fra esponenti internazionali e con le istituzioni nazionali e locali e con il mondo imprenditoriale e associativo. Intanto l’edizione 2012, organizzata con Legambiente, AzzeroCo2 e Kyoto Club, ha potuto contare anche sull’apprezzata partecipazione dell’associazione Cuochi di Marca che, guidati dallo chef Lucio Pompili, ha animato con degustazioni di prodotti del territorio, la piazzetta Green Food, un progetto realizzato con il contributo del Ministero delle politiche agricole e forestali per promuovere e valorizzare le buone pratiche agricole e alimentari, i sapori, i prodotti e le tipicità regionali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>