Volley, Villa Cortese vede Baku. La vendetta di Abbondanza

di 

23 febbraio 2012

PESARO – La vendetta di Villa Cortese! La squadra di Marcello Abbondanza, sconfitta due volte in pochi giorni dalla Norda Foppapedretti Bergamo, si prende la rivincita nella gara di andata dei quarti di finale di Champions League, sfruttando il fattore campo e chiudendo in rimonta 3-1 (parziali 21-25; 25-15; 25-20; 25-19 in 107 minuti). Grande protagonista Caterina Bosetti, utilizzata al posto della sorella Lucia, infortunata. Anche Martina Guiggi, che pure è stata decisiva in momenti importanti, sia al servizio che in attacco, ha dovuto fare i conti con un problema alla spalla destra che le aveva impedito di giocare domenica scorsa a Pesaro. Mercoledì prossimo, a Treviglio, la gara di ritorno e l’eventuale Golden Set che designerà la squadra italiana che affronterà la vincente della sfida tra Vakifban Istanbul e RC Cannes.

Buon passo avanti della Vakifbank Istanbul di Giovanni Guidetti, campione in carica, lungo la strada che conduce alle Final Four di Istanbul. E’ vero che c’è ancora da giocare la partita di ritorno e che l’assurda regola del Golden Set, che non tiene conto della differenza set e meno che meno della differenza punti, lascia praticamente intatte le possibilità di Cannes, ma il modo in cui le turche hanno vinto (3-0 con i seguenti parziali: 25-23; 25-21; 25-11), murando letteralmente la spocchia delle transalpine, fino a stasera unica squadra imbattuta di Champions League, indica che per Centoni e compagne sarà dura avere ragione di un’avversaria bene allenata e soprattutto molto convinta dei propri mezzi.

Dopo un primo set equilibrato, la Vakifbank ha preso il largo nel secondo (20-14 e 24-19). Solo qualche distrazione turca ha consentito a Cannes, che però deve recriminare su un nettissimo fallo di seconda linea non fischiato a Glinka, di non cedere anzitempo.

Il crollo è arrivato, puntualmente, nel terzo set, quando la polacca è stata irrefrenabile, bene assecondata dalle compagne di squadra Fürst, Nikolić e le sorelle gemelle Gözde Sonsirma Kirdar e Özge Cemberci Kirdar. Il più 14 finale (25-21) è pesantissimo per la squadra allenata da Yan Fang.

L.M.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>