Un laboratorio dedicato alla polena

di 

2 marzo 2012

PESARO – Chi visita il Museo della Marineria Washington Patrignani trova ad accoglierlo al primo piano di Villa Molaroni, all’inizio del percorso espositivo, una polena in legno intagliato che raffigura una giovane donna e rappresenta il frutto di un recupero avvenuto a metà Ottocento nelle acque del mar Egeo da parte dell’equipaggio di un trabaccolo mercantile dell’armatore pesarese Sponza; al museo viene poi donata dalla famiglia Mazza. Si tratta di una polena ottocentesca che probabilmente ornava la prua di un brigantino della stessa epoca.

polena

Come è noto, la polena esercita una funzione di difesa e tutela della nave; sul piano simbolico nasce spesso dal rapporto di armonia che crea con il mare, quasi per incantarlo e addomesticarlo, riuscendo così a salvaguardare il navigante da ogni pericolo. Il laboratorio del Museo della Marineria di domenica 4 marzo alle ore 16.30 è dedicato a questa affascinante figura femminile.

Dove andava l’imbarcazione che ospitava la polena e che forma aveva? Da quale terra veniva? Chi la guidava? Domande che ancora non trovano una risposta e che, dopo una visita iniziale alle sale, proveremo a rivolgerci per trovare soluzioni; con materiali vari (cartone, stoffe, colla, scotch, matite, colori, etc) si realizzerà un piccolo modellino della barca, il suo equipaggio e la polena solitamente rappresentata in una posa dinamica con lo sguardo assorto. Ogni partecipante potrà portare la barchetta a casa o lasciarla in mostra per un periodo insieme alle altre realizzate.

Il laboratorio è a cura di Georgia Galanti; la partecipazione è gratuita ed è aperta ad un massimo di 18 bambini; è gradita la prenotazione.

Georgia Galanti è nata a Londra nel 1974, vive e lavora a Cattolica. Frequenta a Los Angeles il Santa Monica College of Art (1993-94) e il master per atelieristi a Reggiochildren (Reggio Emilia, 2006). Ha illustrato Casa d’altri di Silvio D’Arzo e Cartoline da Mompracem per Nuages. E’ autrice di Io e il mio papà e Io e la mia nonna per Nuages e di Il mio nome è Rosa in coedizione con Lettr’ange (Parigi). Sua è l’immagine per il festival Santarcangelo dei Teatri 2008 e per Teatro Errante (Ert 2008). Suoi disegni appaiono sulle confezioni di cioccolato Giraudi e sulle borse Sécret Pon Pon. Ha realizzato ‘L’albero dei ciucci’ per il Parco Oltremare di Riccione e la scultura ‘La mia timidezza non è solo un capriccio’ per il Parco Mariposa di Tenerife. Ha esposto in Italia e all’estero. Scrive, disegna e fotografa per la rivista RD. Tiene laboratori per grandi e bambini in musei, biblioteche, scuole e città.

Per info e prenotazioni 0721.35588 Museo della Marineria (da venerdì a domenica 16-19); 0721.387541 musei civici (da martedì a giovedì 10-13, da venerdì a domenica 10-13, 15.30-19).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>