Un po’ di All Star anche al Panathlon

di 

12 marzo 2012

PESARO – Le stelle del basket italiano scendono sulla terra con l’astronave. All’Adriatic Arena di Pesaro torna la più spettacolare manifestazione cestistica e il Panathlon ne ha approfittato per tributare una conviviale al meglio del mondo della palla a spicchi.

Panathlon Pesaro

Il ct Pianigiani e il suo vice Dalmonte col presidente del Panathlon Alberto Iaccarino

Una conviviale aperta dal presidente del Club, Alberto Iaccarino, che si è congratulato con chi si è adoperato per far ritornare in una città di basket come Pesaro una manifestazione così suggestiva, e si è augurato che altre manifestazioni anche più importanti possano essere organizzate all’Adriatic Arena. I soci del Club e gli ospiti al Baia Flaminia Resort hanno poi ricordato con un applauso commosso quattro figure del basket che purtroppo sono venute a mancare: il dirigente della Benetton Treviso Enzo Lefebre, l’ex allenatore livornese Gianfranco Benvenuti, l’arbitro Bruno Duranti e l’artista straordinario e appassionato di basket Lucio Dalla.

Ospiti d’eccezione della serata il c.t. della Nazionale italiana di basket Simone Pianigiani con il suo vice Luca Dalmonte. I due sono stati anticipati brevemente dal team manager della nazionale Riccardo Pittis che ha parlato di questa sua nuova avventura che finora gli sta dando tante emozioni.

Tantissime le domande per Pianigiani e Dalmonte e la prima ha riguardato la scottante mancata qualificazione degli azzurri dalle olimpiadi. Pianigiani non ha cercato scuse e ha spiegato che la realtà cestistica mondiale negli ultimi anni si è livellata verso l’alto, c’è un’alta competitività, tanto è vero che sono rimaste fuori anche nazioni come Serbia e Turchia. Con franchezza, il c.t. ha spiegato che per competere a questi livelli bisogna creare una fascia di giocatori italiani che possano tenere il campo in Eurolega con le squadre di club, anche per abituarsi ai ritmi e agli stili di gioco diversi da quelli del campionato.

Simone Pianigiani ha dato le sue soluzioni per risollevare la Nazionale di basket, che per forza devono trovare un compromesso con una realtà che è cambiata. Una realtà estremamente individualista dove però si vince solo di squadra. Allora, bisogna creare un ambiente che coinvolga un atleta e lo spinga a dare il massimo. Una realtà dove non si può limitare più di tanto il numero di stranieri nelle squadre di club. Ma per Pianigiani questo è un falso problema, perché in Spagna ci sono più stranieri che in Italia, eppure la Spagna vince. Ciò che bisogna cambiare è la cultura, non le regole. Per far crescere davvero la qualità del movimento cestistico italiano, per Pianigiani, serve una migliore qualità degli allenatori che non si possono permettere di sbagliare quando scovano un talento, perché purtroppo di talenti del basket in Italia ne abbiamo pochi. Contano però anche i giocatori, che devono impegnarsi tutto l’anno, imparando a gestirsi atleticamente e tecnicamente anche quando i campionati sono fermi.

Presenti alla conviviale non solo i tecnici, ma anche i vertici della Federazione e della Lega Basket. Il presidente della Lega Valentino Renzi ha parlato della proposta di modifica dei campionati, un parto difficile ma che forse è arrivato a compimento. Il progetto potrebbe partire molto probabilmente tra due stagioni. Più nel dettaglio è entrato il Vice Presidente Vicario della Fip Gaetano Laguardia che a parlato di tre campionati: A, B e C, e in questi ultimi due ci sarà più spazio per gli italiani.

La platea degli ospiti è stata ricca anche di autorità cittadine e provinciali come il viceprefetto Antonio Angeloni, il presidente della Provincia Matteo Ricci, il sindaco di Pesaro Luca Ceriscioli ed il colonnello Marco Stoccuto che è a capo del 28° Reggimento “Pavia” di Pesaro, Franco Arceci portavoce del sindaco e gli assessori Enzo Belloni e Luca Pieri. Ma anche Giorgio Dainese, governatore dell’Area 5 del Panathlon. Presenti anche gli ex giocatori Walter Magnifico, Ario Costa, Paolo Gurini, Peppe Ponzoni, “Mao” Di Giacomo, Sandro Maggiotto e Giovanni Paolini.

Infine, il Panathlon di Pesaro continua a crescere e ha dato il benvenuto a due nuovi soci. Il primo è il giornalista Massimo Fiorentino, che ha animato le serate dedicate al motociclismo. E si allarga anche la presenza femminile con l’ingresso della quarta donna nel Club, Barbara Agostinis, docente di diritto sportivo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>