Il giornalista Francesco Maria Bei cittadino onorario di Cantiano

di 

15 marzo 2012

CANTIANO – Per «chiari meriti derivanti dalla elevatissima qualità espressa nel suo lavoro», Francesco Maria Bei, noto giornalista e retroscenista politico di Repubblica, diventerà sabato 17 marzo cittadino onorario di Cantiano. A conferire l’onorificenza a nome della città, alle ore 11, nella sala consigliare, sarà il sindaco Martino Panico, che insieme al l’assessore alla Cultura Mirko Sebastiani porterà il saluto del Comune. Poi l’intervento del presidente della Provincia Matteo Ricci e l’attesa lectio magistralis di Bei, che con Cantiano, negli anni, ha sempre mantenuto un legame profondo d’affetto.
Francesco Maria Bei

Francesco Maria Bei

Entrambe le famiglie d’origine, paterna e materna, hanno forti radici nella comunità cantianese. E della famiglia materna era orgoglio Adele Bei, zia di Francesco, partigiana eletta alla Costituente e alla Camera. «Crediamo – evidenzia il sindaco Panico – che nel suo modo di lavorare, rigoroso e serio, e nel suo atteggiamento verso la vita ci sia una parte del modo di fare della nostra comunità e dei nostri geni. Per questo vogliamo ringraziarlo in maniera sincera e corale, con volontà unanime e non formale, con questa cittadinanza onoraria, conferita per la prima volta nella storia dal consiglio comunale».

Bei, nato nel 1970, si è fin da subito distinto come cronista parlamentare, lavorando per l’Indipendente, la Rai, Mediaset e per l’agenzia di stampa Ap.Biscom. Nel 2005 il passaggio a Repubblica, dove diventa una delle firme di punta della redazione. A Repubblica partecipa anche all’avvio della multimedialità, con servizi sul cartaceo, su Internet, sulla Radio e su Repubblica tv.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>