Il Fap vicino agli operai della Merloni: “Pronti alla mobilitazione”

di 

17 marzo 2012

FRONTONE – E’ stata un’assemblea partecipatissima quella organizzata a Frontone dal Fronte di Azione popolare, insieme agli operai dell’Antonio Merloni residenti nella nostra provincia. Sono infatti 40 gli operai pesaresi che prestavano lavoro nell’importante ditta fabrianese, nessuno dei quali reintegrato nella nuova gestione.

logo fronte di azione popolare

Durante l’assemblea si è parlato tecnicamente di tutte le fasi della questione e delle future mosse. Interviene duro il presidente del movimento Giacomo Rossi: “Su 350 operai marchigiani reintegrati, solo uno dei 40 residenti in provincia di Pesaro e Urbino è stato riassunto. Tra questi 40 vi erano maestranze molto valide nonché situazioni di coniugi lavoratori dei quali nemmeno uno reintegrato. La nostra provincia su tutta la questione ha incredibilmente taciuto. Forse Ricci e i suoi assessori non hanno voluto scomodare il “padron Spacca” fido dipendente della famiglia Merloni? Forse la questione non ha suscitato così interesse poiché i lavoratori interessati sono principalmente residenti in paesi dell’entroterra?”

“Ora la partita – rincara Rossi – si gioca sull’Accordo di Programma e sui fondi che dovranno essere reinvestiti in qualche modo per creare lavoro agli esclusi; speriamo che almeno in questo caso Pesaro e Urbino faccia la voce grossa. Intanto su tutta la questione abbiamo pronta un’interrogazione regionale che faremo presentare al consigliere indipendente Marangoni, durante la presentazione della quale saremo presenti ad Ancona con gli operai interessati. Prima però, andremo a Pesaro “a prendere” il presidente Ricci e lo metteremo in prima fila a tutelare gli operai della sua provincia come avrebbe dovuto fare, invece di soggiacere ancora una volta alle solite logiche Anconacentriche”.

Giacomo Rossi stasera alle 21 e alle 23.30 porterà la questione su Tele2000. L’informazione è riportata sulla pagina Facebook del Fronte di Azione popolare.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>