Le prime parole di Zeman J.: “Orgoglioso di essere qua”

di 

21 marzo 2012

FANO – Qualcuno l’ha chiamato figlio di papà. Qualcun altro s’è riferito all’Alma come a una sorta di Isola dei famosi pallonara, tirando in causa anche l’acquisto, recente, di Mancini junior e quello più datato nel tempo del Vieri meno forte. Innegabile, però, che dal punto di vista mediatico il presidente Gabellini abbia fatto bingo.

Karel Zeman

Karel Zeman in maglia granata

I quotidiani sportivi nazionali in blocco si sono occupati infatti delle sorti granata. Anche Sky, nel sottopancia del suo telegiornale sportivo continuo sul canale 200, ha riservato un titolo alla storia del figlio del boemo promosso allenatore del Fano di Lega Pro. Ma lui, Karel Zeman, primogenito 35enne del più devoto del 4-3-3, che pensa dell’avventura granata che si appresta a vivere?

“Mi sento orgoglioso di allenare una squadra così blasonata come il Fano – ha detto oggi nella sala stampa dello stadio Mancini, prima di dirigere il primo allenamento coadiuvato dagli assistenti Renzoni e Marinelli – E’ una cosa che non capita tutti i giorni. Ho visto la squadra all’opera nella vittoriosa trasferta di Celano. Cercherò di non rompere nulla di quello che è stato costruito ma, se possibile, di migliorare qualcosa”.

Un riconoscimento per Gabriele Baldassarri, allenatore sicuramente meno glamour ma che – è innegabile – ha risollevato l’Alma da un inizio di stagione problematico. Solo il campo dirà se la mossa di cambiare timoniere a poche giornate dalla fine è stata azzeccata dalla dirigenza. Il presidente Claudio Gabellini, il direttore sportivo Giuseppe Pompilio e il coordinatore dell’area tecnica Giorgio D’Innocenzo se ne sono fregati del curriculum non scintillante di Zeman junior, dichiarando di voler lavorare sul futuro al fine di ottenere una squadra che sabbia emozionare e divertire.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>