Marche Day a Roma con 20 pullman, gli aggiornamenti

di 

21 marzo 2012

PESARO – Il Marche day, il giorno dell’orgoglio marchigiano, è ufficialmente scattato questa mattina alle 5. Dalle 10.30 oltre 1000 marchigiani, con il presidente Matteo Ricci in testa, sono davanti a Montecitorio dove è stato allestito un palco sopra un camion.

Pullman per Roma

Il pullman della Cna per Roma

Alle 11.30 ha preso parola Donati dell’Italia dei Valori. Presenti le telecamere di Mediaset. Matteo Ricci annuncia: “Finalmente notizie dal Governo. Lunedì dovrebbe incontrarci il ministro, aspetto conferma”. Ricordiamo che sono venti i pullman marchigiani arrivati per manifestare davanti alla Camera dei deputati con gazebo, fischietti e bandiere, per ottenere il riconoscimento dei danni causati dal terremoto bianco di febbraio, pari a 770 milioni, e l’aumento dei contributi per l’alluvione dello scorso anno, per la quale sono stati stanziati solo 25 milioni a fronte dei 400 certificati dalla Protezione civile.

La volontà è anche quella che almeno venga sbloccato il patto di stabilità che impedisce, anche ai comuni che hanno disponibilità economica, di poter spendere per sistemare strade, garantire servizi, pagare fornitori e, in generale, far girare l’economia locale.

”Il governo – spiegano i presidenti delle Province – a differenza di quanto fatto per le altre regioni, non ha previsto alcun intervento finanziario per coprire i pesanti danni provocati dal maltempo negli ultimi due anni”. Una delegazione dei manifestanti incontrerà il presidente della Camera Gianfranco Fini e il leader del Pd, Pier Luigi Bersani

 

ORE 12 – ECCO BERSANI

Alle 12 sale sul palco il segretario del Pd Bersani. Chiaro il suo punto di vista: “Cos’è che fa una comunità? Quali sono le componenti, in uno Stato, che portano alla creazione di una comunità unita?”. Il messaggio è per chi ha ideato, organizzato e applicato la tassa sulla disgrazia. E per chi ancora non ha fatto nulla per toglierla non ripristinando, così, il principio di solidarietà nazionale di cui avrebbe tanto bisogno il nostro paese.

ANCHE PANNELLA

Anche Pannella, leader dei Radicali, si è intrattenuto con la “spedizione dei mille” marchigiani.

UDC PROVINCIALE E LA SEZIONE DI FANO: “SBLOCCHIAMO IL PATTO DI STABILITA’ E CREIAMO UN FONDO DI SOLIDARIETA’ “

L’Udc provinciale e la sezione di Fano hanno aderito al Marche Day per testimoniare le esigenze di un territorio che ha subito grandi e gravi danni a causa dell’evento neve del febbraio scorso.

Udc, Del Vecchio e Cecchi

Udc, Del Vecchio e Cecchi

«Chiediamo ai nostri rappresentanti nazionali – spiegano i rappresentanti dell’Unione di Centro – di sbloccare il patto di stabilità per gli Enti locali e di mettere a disposizione un fondo di solidarietà per risarcire l’economia locale a causa dei danni subiti».

A tal proposito oggi sono presenti in piazza Montecitorio a Roma per chiedere attenzione al Governo tutte le massime autorità comunali e provinciali, amministratori, agricoltori, imprenditori e, tra questi, anche l’Udc con il vice segretario provinciale, Davide Delvecchio, e per Fano il segretario comunale, Pierino Cecchi.

RICCI: “Nessuno si potrà più dimenticare delle Marche”

“Marche Day riuscitissimo. Tanti marchigiani, tutti i partiti nazionali intervenuti, media presenti. A oggi nessuno potrà dimenticarsi delle Marche e del terremoto bianco. Si deve ripristinare la solidarietà nazionale”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>