Tutto Bennet contro Cantù: la Vuelle vince e convince

di 

21 marzo 2012

SCAVOLINI SIVIGLIA PESARO – BENNET CANTU’ 72-69
SCAVOLINI SIVIGLIA PESARO: White 14, Cavaliero 10, Hickman 28, Alibegovic ne, Cusin 7, Tortù ne, Flamini 0, Hackett 2, Lydeka 2, Urbutis ne, Jones 9. All. Dalmonte
BENNET CANTU’: Micov 14, Markoshvili 17, Leunen 2, Marconato 2, Mazzarino 10, Perkins 7, Diviach ne, Shermadini 15, Bolzonella 0,Meroni ne, Basile ne, Brunner 2. All. Trinchieri
ARBITRI: Sahin, Sardella, Duranti
PARZIALI: 17-12, 19-14, 15-20, 21-23
SPETTATORI: 4.123

 

Scavolini Siviglia-Venezia, Richard Hickman

Richard Hickman strepitoso (foto Marco Giardini)

PESARO – Grande vittoria della Scavolini Siviglia che batte la seconda in classifica. Partita nervosa e combattuta, ma meritatamente portata a casa dalla Vuelle sempre avanti nel punteggio, fino al finale punto a punto: decisiva una schiacciata di Hickman a 30 secondi dal termine che ha coronato una grande prestazione (28 punti). Un successo che riporta Pesaro nel gruppone delle terze con prospettive interessanti per il prosieguo del campionato.

Cantù senza Andrea Cinciarini e con Basile, a referto ma infortunato, Pesaro con il solito starting five. Partenza difficile della Vuelle che sbaglia le prime sei conclusioni, trovando i primi punti dalla lunetta con Hackett dopo tre minuti. Per il primo canestro su azione bisogna aspettare il quinto minuto con una tripla di White, ma la difesa biancorossa tiene e il tabellone dice 7 pari dopo 6 minuti. Primo sorpasso pesarese con un’azione da tre punti di Cusin (10-9), poi entra Shermadini per la Bennet che mette subito in difficoltà i lunghi della Scavolini Siviglia. Dalmonte risponde inserendo Cavaliero, Flamini e Lydeka e il primo quarto si chiude con la Vuelle avanti 17 a 12 grazie a cinque punti consecutivi di Hickman.

Quattro punti di Jones a inizio secondo quarto portano la Vuelle al massimo vantaggio (21-12). Jumaine è in trance agonistica con 9 punti consecutivi ed un grande tap-in in schiacciata, evento rarissimo per il numero 33. La partita si infiamma con decisioni cervellotiche della terna arbitrale ma Pesaro mantiene i nervi saldi portandosi sul 30 a 22 al 17’ con una schiacciata di Cusin su grande assist di Hickman. Il pivot biancorosso non è entrato, però, nelle grazie degli uomini in grigio che gli fischiano terzo fallo e successivo tecnico per la quarta penalità personale. Grosso guaio per le rotazioni di Dalmonte, ma ci pensa Hickman a mantenere la Scavolini Siviglia in vantaggio (34-26). Il secondo quarto finisce con Pesaro avanti di 10 sul 36 a 26.

Le statistiche di metà partita evidenziano il buono primo tempo della Vuelle, superiore in tutte le voci con la chicca del 12 su 12 dalla lunetta.

Hickman con 4 punti e schiacciata bimane su splendido servizio di Hackett apre il terzo quarto. Cantù approfitta dei problemi di falli dei lunghi pesaresi, appoggiando spesso il pallone sotto canestro, ma qualche sprazzo di White, in ombra nei primi 20 minuti, mantengono il più 10 biancorosso (44-34 al 24’). Anche Perkins incappa nel quarto fallo creando qualche problema a Trinchieri in un settore a corto di rotazioni causa infortuni. Intanto White è entrato definitivamente in partita con canestri di pregevole fattura (50-36 al 27’), ma ci pensano ancora gli arbitri a ergersi a protagonisti sanzionando Jones con fallo e tecnico per il quarto fallo che lascia scoperto il settore lunghi biancorosso. Cantù, da squadra cinica ed esperta, ringrazia e rientra in partita (50-44 al 29’). Pesaro accusa il colpo e chiude il terzo quarto in vantaggio di soli 5 punti (51-46).

White apre l’ultimo parziale con una bella entrata. Una tripla da 7 metri di Hickman riporta la Scavolini Siviglia sul più 10 (58-48 al 32’). I giocatori in campo sono carichi di falli ma le difese continuano a mordere. Cantù aggiusta la mira dai 6,75 e al 34’ è sotto di sole 4 lunghezze (60-56). Jones chiude una partita fra alti e bassi, commettendo il quinto personale. La Bennet quindi si mette a zona per sfruttare la mancanza di tiratori pesaresi, con il solo Hickman a colpire da tre. Shermadini massacra quello che rimane dei lunghi biancorossi e si entra negli ultimi tre minuti con Pesaro avanti di tre (66-63). Si infortuna White e ormai sono solo sei i giocatori da giostrare per Dalmonte. Leunen per il meno 1 canturino, risponde Cavaliero con una tripla “ignorante” (69-65). Markoishvili sbaglia due liberi, Cavaliero non replica da due e Micov riporta Cantù a un possesso (69-67). Hickman sbaglia da tre ma il possesso rimane biancorosso con 30 secondi da giocare. Hickman ha un momento di lucida follia e inchioda una schiacciata mostruosa contro la difesa schierata (71-67) a 10 secondi dal termine. Micov non prende neanche il ferro e Pesaro può gioire insieme al suo pubblico per una vittoria meritata e importantissima, 72-69 il finale.

LE PAGELLE

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>